/ ECONOMIA

ECONOMIA | 29 giugno 2022, 14:57

Nel 2021 CVA ha distribuito un valore economico pari a 639 milioni di euro

54 milioni di euro il fatturato destinato a fornitori locali, 75 milioni di euro alla pubblica amministrazione e 36,6 agli azionisti. Un piano strategico con tre direttrici di sviluppo e 13 obiettivi di sostenibilità integrati, per tracciare il prossimo futuro del Gruppo

Nel 2021 CVA ha distribuito un valore economico pari a 639 milioni di euro

627,8 mln di euro di investimenti previsti nel quinquennio 2022-2026 di cui 416,7 per nuovi impianti di produzione da fonti rinnovabili; 716 milioni di euro il valore economico generato di cui l’89% è stato distribuito agli stakeholder; 623 collaboratori, 97% a tempo indeterminato; 2,8 miliardi di kWh prodotti da sole fonti rinnovabili per 897 mila tonnellate di CO2 evitate, l’equivalente della capacità di assorbimento di anidride carbonica di circa 5 milioni di alberi. Sono i dati che emergono dal Il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo CVA che diventa, così, la Dichiarazione consolidata di carattere non Finanziario.

Lo 'Diamo Energia al Futuro' è la linea guida dell'azienda che si è data un piano strategico con tre direttrici di sviluppo e 13 obiettivi di sostenibilità integrati, per tracciare il prossimo futuro del Gruppo.

Per CVA la sua prima emissione obbligazionaria senior unsecured avvenuta nel novembre 2021 ha determinato l’ingresso nel campo di applicazione della Non-Financial Reporting Directive (Direttiva UE 2014/95), normativa recepita in Italia dal D.lgs. 254/2016. In conformità con i nuovi obblighi di rendicontazione previsti dal Decreto, il Gruppo ha redatto la sua prima Dichiarazione consolidata di carattere Non Finanziario e avviato un processo di adempimento ai requisiti di disclosure definiti dalla Tassonomia Europea sulla finanza sostenibile.

"Con l’obiettivo di strutturare e rafforzare ulteriormente il proprio percorso di sostenibilità - spiega una nota - il Gruppo CVA ha definito una strategia integrata che coniuga la crescita aziendale con la sostenibilità ambientale e sociale, finalizzata alla creazione di valore nel lungo periodo". Di più, "il Board di CVA ha tracciato una roadmap importante con la quale CVA si pone come attore di rilievo per la transizione energetica nazionale e affianca la comunità locale nel suo sviluppo economico e sociale".

Marco Cantamessa (sn) pres. CVA, e Enrico De Girolamo, Direttore Generale CVA

Il Piano Integrato 2022-2026 intende rispondere ad alcune delle sfide globali definite dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e tracciare le direttrici di crescita del Gruppo per il prossimo futuro, riconducibili a tre macro-aree: Positive Impact, Future Proof e Empowering Communities.

Marco Cantamessa, Giuseppe Argirò e Enrico De Girolamo così tracciano l’ambizione del Gruppo: “Tre pillar a servizio della transizione ecologica e della comunità di cui CVA è parte: generare un Impatto positivo sull’ambiente attraverso una strategia di riduzione e azzeramento delle emissioni, lo sviluppo di 456 MW di nuova potenza rinnovabile in impianti FV ed eolici, l’implementazione di progetti nature based solution, gli studi sull’agrivoltaico e l’efficientamento energetico di circa 2.800 unità abitative.

Giuseppe Argirò, Ad CVA

La direttrice A prova di futuro punta ad un piano di investimenti di 30 milioni annui per la manutenzione degli asset idroelettrici, potenzia gli studi sull’analisi dei rischi climatici e investe sulla cyber resilience. L’Empowering delle Comunità propone progetti di educazione alla sostenibilità nelle scuole valdostane, l’istituzione di borse di studio per le discipline STEM per le ragazze, l’avvio di pratiche di volontariato aziendale e percorsi di formazione upskilling e reskilling rivolti alla popolazione aziendale.”.

I numeri della rendicontazione non finanziaria del 2021 confermano le intenzioni: 639 milioni di € il valore economico distribuito, 54 milioni di € il fatturato destinato a fornitori locali, 75 milioni di € alla pubblica amministrazione e 36,6 agli azionisti.

Un’attenta cura degli asset produttivi che ha visto 80 milioni di € investiti nel triennio 2019-2021 e 180.000 ore di lavoro in manutenzione e operation. Un piano di sviluppo del Gruppo che ha visto un aumento di circa il 3% dell’occupazione aziendale e la previsione di un’ulteriore espansione negli anni a venire.   Dal nazionale al locale: dalla sfida geopolitica e lo shock energetico, alla lotta al cambiamento climatico e la rotta europea per la decarbonizzazione, alla minaccia recessiva che impatta sull’economia, CVA punta alla generazione di valore per il bene comune perché solo insieme si può costruire stabilità economica, ambientale e sociale. CVA si propone come Community Company, una Compagnie che punta alla condivisione di valore, per arricchire ciò che è comune ed accomuna: energie pulite per la cura del Pianeta, l’attenzione alla dimensione economica e all’inclusione sociale, con una misura di riguardo per le giovani generazioni, le donne e gli uomini di domani, che costruiranno il futuro.

Il Gruppo CVA

Da oltre 20 anni il Gruppo CVA opera sul territorio valdostano come attore chiave del mercato energetico. La sua forza risiede nella produzione di energia 100% rinnovabile, in continua crescita e proveniente da 32 impianti idroelettrici, 8 parchi eolici e 4 impianti fotovoltaici, una distintività che oltre a rendere il Gruppo un unicum nel suo settore gli permetterà di entrare nel decennio della transizione energetica con un ruolo da protagonista. Dal 2001, anno in cui si è conclusa l’acquisizione dell’intera infrastruttura idroelettrica di Enel in Valle d’Aosta, il Gruppo è diventato il provider di riferimento dei servizi energetici in Regione e la Valle d’Aosta la prima Regione ad avere una gestione e produzione idroelettrica interamente locale. A livello nazionale, CVA si conferma il 5° player per contribuzione alla generazione rinnovabile da fonte idroelettrica, continuando ad essere uno dei principali produttori di energia eolica e fotovoltaica.  

veyl

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore