/ Le Messager Campagnard

Le Messager Campagnard | 03 giugno 2022, 17:13

Scarseggiano gli stagionali per il lavoro negli alpeggi

Anche l’agricoltura valdostana ha bisogno di lavoratori stagionali per garantire la conduzione degli alpeggi, la cura degli animali e la preparazione della fontina

Scarseggiano gli stagionali per il lavoro negli alpeggi

Coldiretti Valle d’Aosta sottolinea la necessità di velocizzare il rilascio dei nulla osta per consentire ai lavoratori extracomunitari, già ammessi all’ingresso con il decreto flussi pubblicato a gennaio, di poter arrivare in Italia per lavorare nelle imprese agricole al più presto.

“Le nostre aziende zootecniche – sottolinea Alessio Nicoletta, Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta - hanno bisogno dei lavoratori richiesti ma, ad oggi, non sono stati ancora rilasciati i nulla osta da parte degli Sportelli Unici. Una situazione che potrebbe mettere in difficoltà gli allevatori alle prese con un momento non facile visto l’aumento dei costi di produzione”.  “La problematica riguarda per ora il mondo della zootecnia, ma prevediamo che possa interessare nel corso della stagione anche altri settori agricoli” sottolinea ancora Nicoletta.

Rispetto all’anno scorso le quote di lavoratori extracomunitari ammessi per decreto in Italia è stato alzato a 69mila e di questi, la fetta riservata all’agricoltura è di 42mila posti, a fronte dei quali sono pero’ pervenute circa 100mila domande. La presenza di lavoratori stranieri è diventata strutturale nell’agricoltura italiana dove un prodotto agricolo su quattro viene raccolto in Italia da mani straniere che rappresentano più del 29% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore, secondo il Dossier di Idos al quale ha collaborato la Coldiretti. 

Si tratta di lavoratori agricoli stagionali qualificati che ormai da anni – sottolinea Elio Gasco, direttore di Coldiretti Valle d’Aosta – sono impiegati sul territorio al punto da diventare indispensabili per l’attività di molte aziende nostrane. In molti casi sono nati veri e propri rapporti di amicizia che garantiscono una buona integrazione di questi lavoratori nella comunità valdostana”.

Coldiretti ribadisce la necessità di consentire il lavoro temporaneo nei campi anche ai percettori di ammortizzatori sociali, agli studenti e ai pensionati italiani con strumenti concordati con i sindacati. A questo proposito chiede “un piano per la formazione professionale e misure per ridurre la burocrazia e contenere il costo del lavoro con una radicale semplificazione che possa garantire flessibilità e tempestività di un lavoro legato all’andamento climatico sempre più bizzarro”.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore