/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 30 maggio 2022, 14:00

Approda in Aula il disegno di legge sulle consorterie

L’articolato, licenziato doggi dalla Giunta regionale, sarà inviato alle commissioni per il parere prima dell'approvazione da parte del Consiglio Valle. L’assessore Davide Sapinet ‘un momento importante per ridare dignità e vitalità alle consorterie e a tutte le forme di domini collettivi’

Approda in Aula il disegno di legge sulle consorterie

Il disegno di legge, che viene sottoposto all’esame del Consiglio regionale, giunge al termine di un lungo percorso, e sostanzialmente recepisce il progetto predisposto da un gruppo di lavoro nato da un comitato spontaneo di Consorterie, che ha effettuato di diversi incontri sul territorio nel corso del 2019 e coordinato dall’associazione Autonomies Biens Communs Vallée d’Aoste con la partecipazione di esperti e rappresentanti degli ordini professionali.

Il comitato spontaneo di Consorterie poi ha costituito nel dicembre 2020 l’associazione Réseau des consorteries et des biens communs de la Vallée d'Aoste.

“La costruzione di questa legge dal basso, dal territorio – sottolinea l’assessore all’agricoltura, Davide Sapinet - ne fa uno dei punti di forza. E merita pertanto rispetto e condivisione nelle scelte che ci saranno nel percorso che la porterà all’approvazione”.

Non solo per questo un ruolo rilevante viene dato al Réseau, il cui percorso, affrontato con serietà e rigore amministrativo, di sollecitazione del dibattito di coinvolgimento del territorio è stato encomiabile. E’ infatti importante che nella gestione dei domini collettivi le comunità e tutti i portatori di interesse abbiano un ruolo rilevante.

“A questo proposito, gli Assessori all’Agricoltura e Risorse naturali, Davide Sapinet, e alle Finanze, Innovazione, Opere pubbliche e Territorio, Carlo Marzo -  hanno assicurato il loro impegno affinché le proprietà collettive e i diritti di uso civico siano riconosciuti e valorizzati come strumenti fondamentali per la tutela del territorio e dell'ambiente”.

red. agri.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore