/ CRONACA

CRONACA | 18 gennaio 2022, 17:00

Il Green pass al tabaccaio e in libreria. Le regole da febbraio

Lo sappiamo bene è lo dicono da sempre anche i maggiori esperti: ridere fa bene. E non solo, essere di buon umore ci consente di affrontare al meglio le giornate, relazionarci con le persone in maniera positiva ed è estremamente contagioso. Ecco perché abbiamo creato una nuova rubrica dedicata al buon umore: “Ridiamoci Sopra...”

Il Green pass al tabaccaio e in libreria. Le regole da febbraio

Le deroghe saranno poche e legate alle attività strettamente essenziali. Edicola all'aperto per chi non ha un tampone negativo

Solo supermercati, farmacie e benzinai restano accessibili senza certificazione verde. Dal 20 gennaio scatta l'obbligo di tampone anche per andare dal parrucchiere. E da febbraio via all'obbligo vaccinale per gli over 50.

Anche per andare dal tabaccaio o per comprare un libro servirà almeno un tampone, le deroghe saranno poche e legate alle attività strettamente essenziali. Dal primo febbraio entreranno in vigore le nuove regole annunciate dal governo alla vigilia dell'Epifania, quando è stata decisa l'estensione del green pass base.

Ma per chi non è vaccinato la lista delle attività e degli esercizi accessibili è ridotta al minimo, dopo giorni di confronti e tavoli tecnici tra il ministero della Pubblica amministrazione e quello dello Sviluppo economico, che ieri sembrano aver trovato la quadra.

Si ragiona ancora sugli ultimi dettagli, ma il provvedimento è ormai pronto: senza certificazione verde si potrà fare una denuncia in commissariato, si potrà fare la spesa, nei negozi di prossimità quanto nei supermercati, così come anche i mercati all'aperto dovrebbero restare fuori dalla stretta. Anche per gli esercizi che vendono articoli sanitari o per l'igiene non sarà richiesto il green pass: nelle farmacie, nelle parafarmacie o negozi di ottica.

Via libera anche per le edicole all'aperto, per i negozi di animali, per fare rifornimento di carburante o per comprare combustibili per casa. Sarà invece obbligatorio un tampone per recarsi in profumeria o per comprare prodotti cosmetici, la stessa logica che è valsa per le librerie e per i negozi di giocattoli, nonostante le richieste del dicastero guidato da Giancarlo Giorgetti.

Salvatore Battaglia Presidente Accademia delle Prefi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore