/ SANITÀ, SALUTE E STARE BENE

SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | 13 gennaio 2022, 20:19

Ancora un morto per covid, contagi alti e ricoveri no vax aumentano VdA arancione

In Valle AMPLIATE LE AGENDE PER LA VACCINAZIONE IN PRIMA DOSE. In Italia nuovi casi sono 184.615, in calo rispetto a ieri. Con 1.181.179 tamponi processati il tasso di positività scende al 15,6%.

Ancora un morto per covid, contagi alti e ricoveri no vax aumentano VdA arancione

Sono 574 i nuovi positivi rilevati nelle ultime 24 ore in Valle d'Aosta. Si registrano anche 266 guariti e un nuovo decesso che fa slittare a 493 il numero totale di morti per Covid-19 in Valle, dall'inizio della pandemia. I positivi attuali salgono 5.848, di cui 5.788 sono in isolamento domiciliare. Aumenta anche la pressione sull'unico presidio ospedaliero della Regione: i ricoveri totali al Parini di Aosta sono 60, quattro in più rispetto a ieri, di cui 53 nei reparti ordinari e sette in Terapia intensiva. I tamponi effettuati nell'ultima giornata sono stati 2.998. I numeri sono contenuti nel bollettino di aggiornamento quotidiano diffuso dalla Regione, sulla base dei dati dell'Usl elaborati dalla protezione civile.

Covid, Agenas: intensive oltre 20% in 9 Regioni, VdA arancione

Sono 9 le Regioni in cui le terapie intensive superano la soglia di occupazione del 20%, il valore "da arancione", anche se per finire in quella fascia occorre superare contemporaneamente anche il 30% di occupazione dei reparti ordinari, cosa che al momento avviene solo in Val d'Aosta, al 21% di intensive e addirittura al 54% dei reparti. Al momento è l'unica, quindi, che finirà in zona arancione dopo la riunione di domani della Cabina di Regia.

E' quanto emerge dal monitoraggio quotidiano dell'Agenas, aggiornato con i dati di questa sera. Sul filo la Sicilia, che ha il 20% di intensive e il 34% nei reparti: si valuterà domani la sua posizione. Sono in bilico, e potrebbero finire in arancione la settimana prossima, anche il Piemonte, con il 23% di intensive e il 28% nei reparti, e il Friuli Venezia Giulia, che ha rispettivamente il 23% e il 29%. Le terapie intensive sono oltre soglia anche in Toscana (che ha il 22% di occupazione in rianimazione e il 23% nei reparti ordinari), la provincia di Trento (rispettivamente al 28% e al 25%), le Marche (23% e 26%), il Lazio (22% e 25%) e l'Abruzzo (20% e 26%). A livello nazionale, l'Agenas fissa al 18% il livello di occupazione delle terapie intensive e al 27% quello nei reparti ordinari.

AMPLIATE LE AGENDE PER LA VACCINAZIONE IN PRIMA DOSE

Disponibili circa 1100 posti, nelle sedi vaccinali di Pollein-Grand Place, Châtillon e Donnas

 

L’Azienda Usl informa che, al fine di consentire a tutti i cittadini di età “over 50” di ottemperare all'obbligo vaccinale, sono state ampliate le agende per prenotazione dei vaccini in PRIMA DOSE.

Fino al 31 gennaio 2022, è prevista la disponibilità di 2068 posti complessivi, nelle sedi vaccinali di Pollein-Grand Place, Châtillon e Donnas.

Le prenotazioni sono effettuabili tramite il portale di Poste italiane.

Al momento non risultano tempi di attesa per le prenotazioni e in caso di necessità saranno implementati ulteriormente i posti dedicati.

La campagna vaccinale prosegue, con numeri sempre più importanti: a titolo di esempio, nella sola giornata di ieri (mercoledì 12 gennaio) sono state somministrate 1700 dosi.

 

 

 

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore