/ ATTUALITÀ POLITICA

ATTUALITÀ POLITICA | 25 novembre 2021, 15:01

Aosta: FI 'maggioranza rifiuta confronto nelle commissioni

Il tutto avallato con il disciplinato silenzio del Presidente del Consiglio comunale, che nulla dice e nulla fa

Paolo Laurencet e Renato Favre

Paolo Laurencet e Renato Favre

"Un modo di fare politica che non ci appartiene e che rifiutiamo con forza, poiché per l'ennesima volta la maggioranza in Comune ad Aosta ha deciso di non volere entrare nel merito di nessuna delle soluzioni proposte ai problemi della città, preferendo come al solito astenersi su tutta la linea, dimostrandosi priva di idee, arroccata sulle proprie rendite di posizione e lontana, molto lontana, da quella che è la quotidianità al di fuori dell'Hôtel de Ville. Magari un bagno di realismo al posto della pur alta filosofia gioverebbe all'intera città".

I consiglieri comunali di Forza Italia ad Aosta, Paolo Laurencet e Renato Favre, vice presidente dell'Assemblea, commentano in questo modo quanto accaduto finora nella due giorni di Consiglio comunale.

"Vedere i gruppi di maggioranza approvare al mattino un regolamento sulle pari opportunità per poi cassare al pomeriggio un'iniziativa tendente a portare in commissione le richieste delle persone con disabilità è soltanto l'ultima schizofrenia politica di questa maggioranza, che ormai si sta dimostrando contraria persino all'attivazione delle commissioni consiliari per discutere dei più basilari problemi che attanagliano la città. Insomma, il tentativo è quello di rispedire al mittente, ovvero ai cittadini aostani, qualsiasi tentativo di confronto e di approfondimento, ignorando il ruolo cardine che le commissioni dovrebbero invece avere. Il tutto avallato con il disciplinato silenzio del Presidente del Consiglio comunale, che nulla dice e nulla fa, anche a riguardo delle decine di punti che si apprestano a essere rinviati per l'ennesima volta alla prossima seduta", aggiungono i due consiglieri comunali di Forza Italia, che concludono: "Nella giornata di ieri, inoltre, abbiamo appreso alcune 'massime' dalla Giunta che hanno addirittura dell'incredibile, come ad esempio quella della mancata riapertura dei bagni pubblici all'area camper poiché i turisti, in caso di bisogno, dovrebbero già poter contare sui propri servizi igienici, oppure come quella relativa all'ospitata alla Cittadella dei Giovani di un artista arrestato per droga, circostanza in merito alla quale l'assessore competente ha riferito di non avere potuto chiedere a priori il casellario giudiziario all'interessato, nonostante avesse invece ben presente le canzoni inneggianti all'uso di armi e all'assunzione di droghe che caratterizzano il repertorio di tale soggetto. Ma tant'è, noi proseguiremo con la nostra azione leale e costruttiva a favore di Aosta e degli aostani".

info fi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore