/ CULTURA

CULTURA | 23 novembre 2021, 22:47

L’ALPINISTA E SCRITTRICE COLOMBIANA MARÍA ALEJANDRA MARTÍNEZ POLANCO

A cura di Lodovico Marchisio

La scrittrice in Alta Montagna

La scrittrice in Alta Montagna

María Alejandra Martínez Polanco è una scrittrice – alpinista colombiana, grande camminatrice e traduttice di lingue arcaiche. È nata a Bogotà a metà degli anni '80 in un paese che, usando l’espressione dell’autrice: “sembra essere sempre in fiamme”, la Colombia.

Nonostante abbia scritto per buona parte della sua vita, ha iniziato a pubblicare nel 2016, quando ha preso parte a una protesta sulle sue alture. Infatti lei, con un gruppo di amici, si è stancata della cattiva gestione che l'area commerciale ha dato ad uno dei monoliti più imponenti del suo paese e ha deciso di costruire un vivaio a “La Piedra”.

(L’autrice con la famiglia)

Un suo libro: Il sole dei cervi Vi rimasero alcuni mesi prima di raggiungere un accordo con le autorità locali e gli amministratori del luogo. Grazie alla protesta, inizia a scrivere articoli sulla montagna, la sua più grande passione, prima sulla sua amata “Piedra” (uno dei monoliti più bistrattati ma famosi al mondo), dopo sui viaggi che ha fatto in America Latina.

Sebbene la sua lingua madre sia lo spagnolo, curiosamente le sue prime pubblicazioni furono tradotte in italiano e pubblicate su “Vita Diosesana Pinerolese” da Patrizio Righero. Con me nacque una grande amicizia epistolare sorta dalla comune passione per la montagna.

Senza dubbio, il suo paese di origine ha definito e delineato l’arte della sua scrittura. Il suo primo libro pubblicato s’intitola: “El Sol de los Venados” (Il sole dei cervi), pubblicato dall’editrice Icanh in Colombia. In esso, lei e sua sorella María Fernanda raccontano la storia autobiografica di come María Fernanda incontra i cervi.

(primo piano dell'autrice)

In primo luogo, grazie ai suoi corsi di archeologia quando studiava antropologia all'Università Nazionale della Colombia, e poi nei Parchi Naturali Nazionali del paese d'origine delle due sorelle.

All'inizio di quest'anno, María Alejandra ha dato alle stampe la sua prima autopubblicazione. Questa volta come risultato del lavoro finale del Sesto Ciclo di Illustrazione di Casa Tinta.

“While I Chase Your Trail” (Mentre inseguo le tue tracce), è un libro illustrato che è iniziato come una serie di storie che ha iniziato a scrivere l'anno scorso, poco prima dell'inizio della quarantena.

Per rendere ancora più incisiva l’immagine di questa scrittrice che nel suo “Paese” non vive la libertà di stampa che nonostante tutto, noi ancora conserviamo, riporto un suo capoverso così come me lo ha trascritto: “Invece di fare tardi a lezione, ho deciso di visitare il cimitero centrale. Ero nata a Bogotà e non lo sapevo. In quel cimitero comparvero diverse storie, ma con il passare del tempo, con la reclusione e con l'aumento degli omicidi dei capi sociali, il numero delle storie cominciò a crescere, cominciarono ad apparire vite e morti da altre parti, da altri cimiteri che ho anche visitato, perché i cimiteri, come le chiese, raccontano la storia che ha vissuto il paese in cui viviamo. Sono convinta che dobbiamo guardare la morte negli occhi, riconciliarci con essa, anche abbracciarla, ricordare i nostri morti e soprattutto nominarli. Solo allora inizieremo a guarire come società. Questo è il mio tributo a loro, ai morti senza nome che sono persi nell'oblio...”

Attualmente María Alejandra divide il suo tempo tra lunghe passeggiate di introspezione a ore di lavoro personale intorno allo yoga, con la scrittura e l'illustrazione di quello che sarà il suo primo libro d'artista, che sebbene non abbia ancora un nome, sta già cominciando ad avere un corpo. (esercizio joga)

Lavora anche per un'azienda specializzata in programmazione di linguaggio naturale nella progettazione di materiale specializzato per i social network.

Lì realizza “infografiche”, che è l'informazione proiettata in forma più grafica e visuale che testuale, fumetti e video che consentono a un pubblico inesperto di avvicinarsi ai temi dell'intelligenza artificiale.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore