ECONOMIA - 14 ottobre 2021, 20:55

L'economia valdostana recupera le posizioni pre pandemia

Giachino 'Bisogna adoperarsi tutti insieme perché la ripresa che si sta profilando non si interrompa ma anzi si consolidi nel tempo'

Giancarlo Giachino, presidente di Confindustria VdA

Giancarlo Giachino, presidente di Confindustria VdA

Dati positivi dalla consueta indagine previsionale di Confindustria VdA relativa al quarto trimestre. Per il presidente GIancarlo Giachino i dati "si spiegano in buona parte con il recupero delle posizioni perse durante la fase più difficile dell’epidemia; diventa ora essenziale trasformare tale crescita in strutturale" Per Giachino le ragioni di ottimismo "sono molte prima fra tutte l’avvio dei programmi previsti nel PNRR. Ora bisogna adoperarsi tutti insieme perché la ripresa che si sta profilando non si interrompa ma anzi si consolidi nel tempo".

Venendo ai datigenerali, per le aziende del campione peggiorano leggermente le attese sulla produzione ma che si attesta comunque su livelli positivi: il dato passa da un +45,24%: ad un +26,00%: l’andamento è lo stesso per il settore dei servizi e per il manifatturiero. Calano leggermente le attese sugli ordinativi che passano da un +47,73%. ad un +32,69%. Il comparto manifatturiero fa registrare un andamento più positivo del settore dei servizi.

Resta su buoni livelli anche il dato relativo all’export anche se perde leggermente terreno rispetto allo scorso trimestre e passa da un +42,86% del trimestre precedente ad un +34,62% dell’attuale. Varia un poco la composizione del carnet ordini, in particolare aumentano le aziende con ordini per meno di un mese che passano da un +14,29 dello scorso trimestre ad un +19,35 dell’attuale.

Diminuiscono invece quelle con visibilità 1-3 mesi (da +57,14% a +48,39%). Aumentano quelle con visibilità oltre i tre mesi (da +28,57% a +32,26%). Migliora il tasso di utilizzo della capacità produttiva che passa dal +69,43% del trimestre precedente ad un 71,06% dell’attuale.

Aumenta di poco il numero di imprese che segnalano ritardi negli incassi passando da un +21,74% dello scorso trimestre ad un +27,45% dell’attuale. La media complessiva dei tempi di pagamento è in netto miglioramento ed è di 52 giorni e di 54 giorni per la Pubblica Amministrazione.

Resta sempre positivo il dato relativo all’occupazione che si attesta su di un +11,54%. Diminuisce considerevolmente il ricorso alla CIG. Prevedono di farne ricorso il 2% degli intervistati.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

SU