/ CRONACA

CRONACA | 13 ottobre 2021, 09:33

Carabinieri dagli studenti valdostani per educarli alla legalità e presentar loro 'Jhonny'

Ospite speciale dell’Istituto professionale 'Don Bosco' di Chatillon è stato un formidabile cane antidroga in servizio al Centro Cinofilo di Volpiano

Carabinieri dagli studenti valdostani per educarli alla legalità e presentar loro 'Jhonny'

I carabinieri della Compagnia di Saint Vincent-Chatillon sono tornati a scuola per incontrare gli studenti e parlar con loro di educazione e rispetto, per informarli e formarli al senso civico e alla cultura della legalità, nonché ai rischi che incorrerebbero se avessero uno stile di vita insano e non rispettoso.

È stato promosso, a tal fine, dal Gruppo Carabinieri di Aosta, un piano per la sicurezza degli istituti scolastici affinché tutti gli studenti possano andare a scuola con la massima serenità, ed è stato avviato un calendario di incontri con gli alunni, volto a promuovere la legalità nelle scuole.

Il primo si articola in mirati servizi preventivi, anche con l’uso delle unità cinofile, che coinvolge tutti i Comandi dell’Arma in Valle, mentre i secondi sono imperniati su sperimentati periodi di confronto con gli studenti su tematiche attuali e d’interesse, allo scopo di familiarizzare con i temi relativi a rischi e sanzioni che conseguono ai comportamenti illeciti, non tralasciando l’analisi dei vantaggi connaturati al rispetto per gli altri, la valenza delle regole e la indubbia ricaduta positiva e condivisa della legalità nel quotidiano, per l’ausilio allo sviluppo della vita quotidiana.

Nella fattispecie ultimamente, ospite speciale dell’Istituto professionale “Don Bosco” di Chatillon è stato “Johnny”, un esemplare antidroga di Pastore Tedesco in servizio presso il Centro Cinofilo di Volpiano (Torino), che ha dato dimostrazione delle sue capacità di ricercatore di stupefacenti. L’incontro, voluto dalla dirigenza scolastica con il Comando Compagnia di Saint Vincent-Chatillon, è proseguito con un confronto aperto e diretto, volto a riconoscere e combattere gli stili di vita a rischio, promuovendo, tra gli alunni, modelli di vita sani, responsabili e consapevoli. Gli alunni, hanno dimostrato grande interesse per le tematiche, interagendo con l’Ufficiale e ponendo numerosi quesiti a margine degli incontri, anche relativi all’iter per l’arruolamento nell’Arma dei Carabinieri L’evento è stato vissuto, anche merito del bellissimo cane, con entusiasmo dai ragazzi, dai professori, perché, tra l’altro, nella sua visita alle scuole non ha fiutato nulla di strano, con la piena soddisfazione di tutti i presenti.

Queste due attività congiunte, promosse ormai da oltre 20 anni dall’Arma dei Carabinieri, hanno sempre visto il coinvolgimento di molte scuole dell’intera Valle, con l’obiettivo di creare un network che promuova interventi educativi e informativi in grado di fornire strumenti efficaci per riconoscere e combattere il disagio e gli stili di vita a rischio, affinché si sviluppino cittadini del domani solidi e solidali.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore