/ TURISMO VALLE D'AOSTA

TURISMO VALLE D'AOSTA | 12 ottobre 2021, 13:37

Più di 10.000 presenze all’edizione 2021 di Marché au Fort

Ottimi riscontri per l’edizione 2021 di Marché au Fort, il più importante evento dedicato al settore agroalimentare valdostano, che si è tenuto durante il fine settimana nella cornice del borgo medievale e del Forte di Bard. Esauriti i 1.400 buoni prodotto messi a disposizione dalla Chambre

Più di 10.000 presenze all’edizione 2021 di Marché au Fort

Le presenze rilevate sono state 3.500 nella giornata di sabato 9 ottobre e 7.300 in quella di domenica 10 ottobre, per un totale di 10.800 visitatori nell’intera manifestazione, un risultato che si attesta sui riscontri registrati nelle ultime edizioni prima della pandemia.

Dice l’Assessore all’Agricoltura e Risorse naturali Davide Sapinet (nella foto all'inaugurazione) “siamo molto soddisfatti: l’organizzazione ha funzionato bene, riuscendo a coniugare il rispetto dei protocolli di sicurezza con la volontà delle persone di tornare a incontrarsi e a vivere in presenza eventi come questo. L’alto afflusso di visitatori ha dimostrato, ancora una volta, l’interesse e l’attrattività del nostro settore enogastronomico, che è espressione di prodotti di alta qualità, radicati sul territorio e legati alle  tradizioni. Il Marché au Fort ha il grande pregio di dare visibilità alle nostre aziende, anche a quelle più piccole, che per la nostra regione sono una vera ricchezza, di impegno, passione, di storie personali e familiari. Mi auguro che questo buon riscontro sia un incoraggiamento dopo due anni di difficoltà e preoccupazioni legate alle restrizioni e alla forte frenata delle vendite. Ora ci aspettano altri eventi autunnali, l’occasione per continuare ad accompagnare la riprese promuovendo l’ampia gamma dei prodotti valdostani”.

Come già nel 2020, per consentire un’alta presenza di pubblico e una buona visibilità agli espositori partecipanti, l’evento ha avuto una durata di due giorni, anche alla luce del fatto che le disposizioni per il contenimento dell’emergenza sanitaria prevedevano precise indicazioni sugli spazi tra le aziende e l’afflusso dei visitatori, che, tra l’altro, è stato monitorato e sottoposto a controlli nelle aree più ristrette.

Alla manifestazione, organizzata dall’Assessorato dell’Agricoltura e Risorse naturali, in collaborazione con la Chambre valdôtaine, l’Associazione Forte di Bard e il Comune di Bard, erano presenti 65 aziende, appartenenti alle varie filiere dell’agroalimentare regionale: dai salumi ai formaggi, dal miele ai prodotti da forno, dalle carni ai vini e alle produzioni ortofrutticole, prodotti sotto regimi di qualità DOP, DOC, IG, prodotti agroalimentari tradizionali (PAT), prodotti trasformati e biologici.

Aggiunge l’Assessore Sapinetha avuto ottimi riscontri di pubblico anche la mostra mercato sulle mele Mele Vallée, che si è tenuta ad Antey-Saint-André nelle stesse date, a conferma del fatto che le due iniziative possono essere complementari e di come alcuni eventi sul territorio siano diventati ormai appuntamenti tradizionali per un vasto pubblico, composto da turisti e anche da locali”.

Riscontri positivi anche da parte della Chambre Valdôtaine. L’iniziativa Sapori valdostani offerti dalla Chambre, realizzata al fine di incentivare la conoscenza e la diffusione dei prodotti enogastronomici del territorio e favorire gli acquisti da parte dei visitatori, ha riscosso un buon successo sia in termini di adesione che di risultati.

Tutti esauriti, infatti, i 1.400 buoni del valore di 15 euro distribuiti nelle due giornate della manifestazione a seguito di un acquisto di almeno 50 euro presso le imprese espositrici, con una spesa minima generata per le imprese di oltre 90 mila euro. Da una prima analisi dei buoni la maggioranza degli acquirenti provenivano da fuori Valle (82%), con una prevalenza di acquirenti piemontesi (50%) e lombardi (25%). Il 15% dei buoni prodotto sono andati a visitatori valdostani, mentre il 3% è andato a visitatori esteri, in particolare provenienti da Svizzera e Francia.

“Si tratta certamente di un risultato positivo – commenta il Presidente della Chambre Roberto Sapia – complice l’evoluzione della situazione pandemica, i risultati, sia in termini di presenze sia soprattutto in termini di acquisti, sono positivi. Parliamo infatti di un aumento di circa il 30% rispetto al risultato dello scorso anno per quanto riguarda la spesa minima generata per le imprese ed i buoni spesa messi a disposizione dei visitatori sono andati esauriti nonostante avessimo previsto un aumento di 200 tagliandi rispetto allo scorso anno. E’ un risultato, se guardiamo anche la provenienza di coloro che hanno fruito dei buoni prodotto, incoraggiante, che deve essere da stimolo per continuare a lavorare al fine di far conoscere ed acquistare le eccellenze del territorio anche fuori dai confini regionali".

Soddisfazione per la riuscita di Maché au Fort è stata espressa anche dal Forte di Bard, dove oltre all’offerta museale permanente hanno ottenuto grande attenzione da parte del pubblico anche le cinque esposizioni temporanee: nelle due giornate di sabato e domenica sono stati staccati 3.023 biglietti di ingresso alla fortezza.

Altra nota positiva è stata la partecipazione di tre bande musicali – quelle di Hône, Donnas e Issime – che, proprio in occasione del Marché, si sono esibite per la prima volta dopo il lungo stop dovuto alla pandemia.

 

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore