AMBIENTE - 06 ottobre 2021, 13:20

I ghiacciai che scompaiono, un avvertimento per il futuro

Una conferenza con Mercalli e Freppaz chiude al Forte di Bard la mostra 'Il Monte Cervino: ricerca fotografica e scientifica'

I ghiacciai che scompaiono, un avvertimento per il futuro

A conclusione della mostra 'Il Monte Cervino: ricerca fotografica e scientifica', seconda tappa del progetto L’adieu des Glaciers, il Forte di Bard organizza domenica 17 ottobre, alle ore 17 nella sala Olivero della Fortezza, la conferenza 'I ghiacciai che scompaiono: un avvertimento per il futuro'.

Introdotti dalla presidente del Forte di Bard Ornella Badery, dialogheranno LucaMercalli, Presidente della Società Meteorologica italiana e Michele Freppaz, Professore al Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università di Torino.

Al centro del confronto, i dati scientifici che fotografano l’evoluzione sempre più repetina del cambiamento climatico ben visibile sulle aree glaciali.

La conferenza, ad ingresso gratuito, sarà preceduta alle ore 15 da una visita guidata alla mostra 'Il Monte Cervino: ricerca fotografica e scientifica' (visita gratuita + biglietto ingresso a pagamento).

In occasione dell’ultimo giorno di apertura dell’esposizione, a tutti i visitatori verrà applicata la tariffa di ingresso ridotta (8 euro).

I RELATORI

Luca Mercalli, climatologo e glaciologo, si occupa di ricerca su variazioni del clima e ghiacciai delle Alpi occidentali, comunicazione del rischio climatico, efficienza energetica ed energie rinnovabili, sostenibilità ambientale.

E’ autore di circa cento pubblicazioni scientifiche e di oltre 3000 articoli divulgativi comparsi sui quotidiani La Repubblica, La Stampa e Il FattoQuotidiano. Oltre ad essere Presidente della Società Meteorologica Italiana, è membro del Comitato Glaciologico Italiano, consigliere scientifico ISPRA e docente alla Scuola Superiore diStudi dell'Università di Torino. Ha tenuto oltre 2500 conferenze, ha collaborato a programmi televisivi Rai (Che tempo che fa, TGMontagne, Scala Mercalli, Pillole di Mercalli), ed è autore divari libri tra cui: Salire in montagna (Einaudi), Il clima che cambia (Rizzoli), Non c'è più tempo(Einaudi), Prepariamoci (Chiarelettere).

Michele Freppaz, professore di pedologia e nivologia presso l’Università di Torino, afferisce al Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari. E’ membro del Comitato Glaciologico Italiano e Presidente dell’Alpine Soil Partnership. E’ stato visiting professor all’Institute of Arctic and Alpine Research (University of Colorado) ed è attualmente Direttore Scientifico della Summer School Ipromo-International Programme on research and training on sustainable management of mountain areas, in collaborazione con la Fao-Mountain Partnership.

L’attività scientifica negli anni si è concentrata in modo particolare sulla genesi e il funzionamento dei suoli in ambiente periglaciale, anche in relazione alle caratteristiche del manto nevoso e agli effetti delle valanghe. Ha coordinato e partecipato a progetti di ricerca nelle Alpi, ma anche nelle Montagne Rocciose, Ande e Himalaya. E’ autore di più di 300 pubblicazioni scientifiche, di cui 96 in riviste indicizzate, e con Enrico Peyrot è il curatore del progetto scientifico 'L’Adieu des Glaciers' promosso dal Forte di Bard.

COME PARTECIPARE

Conferenza e visita guidata su prenotazione con obbligo di Green Pass.T. + 39 0125 833811 - prenotazioni@fortedibard.it

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

SU