/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 28 settembre 2021, 20:16

Verso riorganizzazione qualitativa Lavoratori socialmente utili-Lus

Verso riorganizzazione qualitativa Lavoratori socialmente utili-Lus

Ampliare i fondi nel bilancio regionale oltre il milione e 400 mila euro stanziati finora, includere maggiormente le donne assenti dal lavoro da 24 mesi e gli ultrasessantenni, estendere progetto dall'estate alla stagione autunnale e invernale e riorganizzarlo su base triennale. Questa la riorganizzazione che l'amministrazione regionale prevede per il servizio dei Lavoratori di utilità sociale-Lus, destinati ai disoccupati residenti in Valle d'Aosta. Le ha illustrate l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Luigi Bertschy, ai sindaci valdostani durante l'assemblea del Celva svoltasi nel pomeriggio di martedì 28 settembre a Gressan.

L'obiettivo, ha sottolineato Bertschy (foto a lato), è quello di "andare al di là degli aspetti manutentivi e pratici che riguardano i Lus", affinché diventino uno strumento per "riorganizzare il proprio percorso lavorativo".

Le diverse iniziative che l'Amministrazione regionale sta mettendo in campo per rilanciare l'occupazione necessitano "dell'appoggio di tutti i Comuni", ha affermato l'assessore Bertschy, proponendo ai sindaci degli incontri sul territorio per parlare di lavoro. "Ora stiamo ripulendo le banche dati dei centri dell'impiego- aggiunge l'assessore-. Questo lavoro dovrà essere ultimato entro l'autunno perché dobbiamo capire a chi dobbiamo parlare e il tipo di esigenza a cui rispondere". Solo così "verrà fuori chi è in Naspi da diverso tempo e rifiuta i corsi di formazione, chi non accetta di partecipare ai progetti utili alla collettività e chi veramente ha voglia di lavorare", ha affermato Bertschy, raccogliendo il favore di molti sindaci.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore