/ Il rosso e il nero

In Breve

sabato 10 luglio
giovedì 03 giugno
mercoledì 26 maggio
mercoledì 12 maggio
martedì 04 maggio
LA CO.IN.OP.
(h. 10:30)
mercoledì 28 aprile
lunedì 26 aprile
venerdì 23 aprile
martedì 20 aprile
lunedì 12 aprile

Il rosso e il nero | 12 settembre 2021, 08:00

IL BUIO OLTRE LA SIEPE DELLA NOSTRA POLITICA

Ci sarebbe bisogno di una vera rivoluzione culturale e mettere al bando schemi desueti e ammiccamenti di circostanza

IL BUIO OLTRE LA SIEPE DELLA NOSTRA POLITICA

Silenzio e vuoto. Sono le sensazioni che si avvertono sullo stato dell'arte della politica valdostana. I programmi elettorali sono diventati vuote chimere. Che fine ha fatto l'idea di rivoluzionare lo status quo della politica? Dove è finita la riforma elettorale che avrebbe dovuto disintegrare il vecchio sistema, accordi sotto banco, la cancrena che con i suoi miasmi avvelena il vivere quotidiano di ogni cittadino?

Siamo arrivati al parossismo (per proteggere la propria poltrona) di mettere in discussione anche la giustizia della Corte dei conti, che in sede di appello ha confermato l'agire oltre ogni legittimità del comportamento di molti politici. Si vuole mettere in discussione il limite costituzionale che deve caratterizzare l'agire di ogni politico?

(nella foto tratta da Avvenire Il fine della politica nella fine della politica)

E che dire della opportunità di fissare per legge il raddoppio (rispetto al 2020) dell'indennità di carica di componenti di società partecipate (leggi Finaosta), quando una legge finanziaria nazionale stabilisce che non si può andare oltre l'80% di quanto fissato nel 2013? E come valutare le scelte di amministrazioni locali che, nella ricerca di consensi elettorali, annunciano riforme e provvedimenti senza preoccuparsi di fornire agli elettori garanzie su cronoprogammi, scadenze e risultati effettivi da conseguire?

E' questa la realtà che ormai da tempo  abbiamo sotto gli occhi. Ci sarebbe bisogno di una vera rivoluzione culturale e mettere al bando schemi desueti e ammiccamenti di circostanza. Servono iniziative popolari contro questo andamento deleterio e improduttivo della politica regionale. Ma quello che fa disperare  di più è questa sorta di "endurmia" generale che non lascia ben sperare per il futuro.

Romano Dell'Aquila

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore