/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 09 settembre 2021, 12:38

Mirko Billet, Alex Glarey, Daria Pulz replicano a Angelo Brunetti

Gentile Direttore in merito all'articolo dal titolo: "L'OPINIONE DI ANGELO BRUNETTI: ADU e i suoi diritti & diritti", la Segreteria politica di Adu Vda, precisa quanto segue

Madri costituenti

Madri costituenti

Stupisce leggere nell'articolo la frase: "al di là del merito della sentenza della Terza Sezione Centrale di Appello della Corte dei Conti sui finanziamenti al Casinò...", come a voler intendere che una sentenza passata in giudicato della magistratura sia solamente un dettaglio di poca importanza.

Il nostro ordinamento prevede una serie di pesi e contrappesi. La magistratura contabile ha proprio questo scopo: sorvegliare che gli organi elettivi (formate da persone che dovrebbero esercitare il loro mandato con disciplina e onore) non violino la legge nel gestire il denaro pubblico in modo sconsiderato.

Giustamente tali assemblee elettive hanno autonomia decisionale e insindacabilità in alcuni aspetti, ma questo non significa poter fare qualsiasi cosa passi loro per la testa sia per quanto concerne la spesa pubblica sia per quanto concerne l'attività legislativa (si veda le leggi regionali impugnate di recente).

Grazie al cielo i nostri Padri costituenti hanno immaginato un tale sistema di controllo e garanzia.

Mirko Billet, Alex Glarey, Daria Pulz

Gentilissimi Mirko Billet, Alex Glarey, Daria Pulz, grazie per l'attenzione. Evidentemente Angelo Brunetti si è stupito quanto voi nel leggere il comunicato che avete diffuso e sul quale ha espresso una sua opinione. Fortunatamente la libertà di opinione è il sale della democrazia che abbiamo ereditato dai nostri Padri costituenti. pi.mi.

Umile precisazione per i nostri lettori

Si parla di sentenza passata in giudicato se la sentenza riguarda un procedimento penale. Nel caso della magistratura contabile se la sentenza è ritenuta ingiusta e/o lesiva delle prerogative del Consiglio regionale della Valle d’Aosta - può essere ancora impugnata dinanzi alla Corte dei Conti per revocazione, alla Corte di Cassazione per difetto di giurisdizione o ancora alla Corte Costituzionale per conflitto di attribuzione.
I nostri Padri costituenti hanno immaginato un tale sistema di controllo e garanzia che forse ignoravate o avete ignorato.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore