/ CULTURA

CULTURA | 21 agosto 2021, 10:30

LIBRARTE: Due Vite di Emanuele Trevi – Premio Strega 2021

A cura di Manuela Moschin del blog www.librarte.eu e del gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera https://www.facebook.com/groups/storiedilibriCOM/

LIBRARTE: Due Vite di Emanuele Trevi – Premio Strega 2021

L’amicizia quel sentimento affettivo, che si fonda sul rispetto e sulla fiducia reciproca è stata illustrata da Emanuele Trevi in modo encomiabile. Durante la lettura del libro intitolato Due vite mi sono immedesimata nello scrittore, in quel desiderio di raccontare pezzi della sua vita, che lo vide legato a una profonda amicizia. Rocco Carbone e Pia Pera furono i suoi amici intimi con i quali condivise piaceri e amarezze. Si tratta dunque di un romanzo autobiografico, stilato in memoria di Rocco e Pia, anch’essi scrittori, che troppo presto lasciarono la vita terrena.

Nel libro ci sono dei passaggi che sono veri e propri cimeli da consultare ogni qual volta se ne sente la necessità. Parole che anch’io avrei voluto esprimere, in quel sensibile riecheggiare di persone a me care. Piacevole nostalgia, che si riversa in uno scritto da imprimere per sempre, poiché possiede la capacità di colmare quei vuoti insopportabili, quando capita di perdere l’amico del cuore o un familiare.

In questo modo a Rocco e a Pia è stato riservato un posto speciale perché grazie alla letteratura saranno commemorati per l’eternità. Per l’autore la scrittura è un ottimo espediente per rincontrare i morti “La scrittura è un mezzo singolarmente buono per evocare i morti, e consiglio a chiunque abbia nostalgia di qualcuno di fare lo stesso: non pensarlo ma scriverne, accorgendosi ben presto che il morto è attirato dalla scrittura, trova sempre un suo modo inaspettato di affiorare nelle parole che scriviamo di lui, e si manifesta di sua propria volontà, non siamo noi che pensiamo a lui, è proprio lui una buona volta”.

Il libro di Trevi è un’ode alla vita dopo la morte, che egli enfatizza dando valore ai ricordi “Perché noi viviamo due vite” sostiene l’autore, e la seconda è “nella mente di chi ci ha voluto bene”. Scavando nei labirinti della mente, Emanuele ha reso omaggio ai suoi cari defunti, descrivendo il loro carattere con infinita cura e tenerezza. A partire dal titolo, il romanzo è costantemente collegato a un filo conduttore che vede l’amore e l’amicizia come capisaldi essenziali dell’esistenza.

L’amicizia perdura in nome dell’amore, in cui il sé viene pervaso da fragranze indefinibili.

Con il romanzo “Due vite” Emanuele Trevi vince il Premio Strega 2021.

A cura di Manuela Moschin curatrice della pagina Facebook e Blog www.librarte.eu

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore