AMBIENTE - 11 luglio 2021, 07:00

Già 200 le firme raccolte da Legambiente contro la realizzazione di una centralina in Val Ferret

Uno scorcio della Val Ferret

Uno scorcio della Val Ferret

In meno di una settimana ha superato le 200 firme, la petizione lanciata su Change.org dal Comitato valdostano di Legambiente contro il progetto di costruzione di una centrale idroelettrica in val Ferret, a Courmayeur.

Nelle intenzioni dei progettisti della società privata che intende sfruttare le acque che scendono dal massiccio del Bianco, è prevista una derivazione delle acque dalla Dora di Ferret a Planpincieux, a servizio di una centrale idroelettrica da realizzarsi tra La Palud e Entrèves.

Il progetto è stato stato presentato agli uffici regionali per la Valutazione dell'impatto ambientale.

Legambiente sottolinea che la Dora di Ferret è "l'unico torrente valdostano di media altitudine particolarmente ricco di acque a presentarsi ancora allo stato naturale per l'intero suo percorso, anche grazie alla tutela di ben tre diversi siti di protezione ambientale che interessano l'intera vallata".

E aggiunge: "La val Ferret ha un valore ambientale, scientifico, naturalistico e paesaggistico ineguagliabile, vista la presenza del massiccio del Monte Bianco, motivo per cui è giustamente tutelata a livello internazionale".

Per questo, Legambiente e i cittadini sottoscrittori chiedono alla Regione "di voler considerare l'interesse primario del territorio e delle sue comunità, e di voler respingere il progetto di centralina da realizzarsi nella val Ferret".

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

SU