/ Le Messager Campagnard

Le Messager Campagnard | 26 giugno 2021, 12:00

Aziende sempre più social, nasce la 'digitalizzazione' del mondo del vino

Aziende sempre più social, nasce la 'digitalizzazione' del mondo del vino

Nel tempo il concetto fondamentale nel mondo della produzione di vino è cambiato e la pandemia ancora di più impone dei cambiamenti, anche nella tipicità valdostana dei vini di montagna.

I vecchi produttori ricordano come fosse fondamentale arrivare a fare stappare una bottiglia, bere il vino e raccontarlo. Detta così sembra semplice, ma in più di un anno di pandemia non era scontato. Il mondo del vino ha temuto il tracollo, ne esce invece cambiato, rafforzato grazie alla creatività e allo spirito di resistenza, tipico dei montanari, dei nostri produttori vitivinicoli.

La comunicazione digitale ha determinato il cambiamento, oltre a una ritrovata consapevolezza delle reti locali.

Il vino non è cambiato, sono cambiati i linguaggi per raccontarlo e con il vino si racconta il territorio e la Valle d’Aosta per ogni vino ha storia da raccontare.

Nell’anno di pandemia siamo incappati nell’italica capacità di inventarsi, nei momenti di difficoltà,  qualcosa che non c’era o accelerare dinamiche lente, poco sfruttate, resistere insomma.

Si sono attivati webinar, qualcuno ha raccontato sul web la sua azienda e i suoi vini a puntate. I produttori sono diventati testimonial di se stessi, protagonisti della propria produzione, hanno messo la faccia davanti alla web-cam e hanno incominciato a raccontarsi. Con la forza della disperazione si è fatta necessità virtù, degustazioni virtuali, videoclip, podcast con protagonista il territorio e il suo vino.

Le aziende più piccole, quelle che vivono con il mercato locale, con tutte le attività di riferimento chiuse sono state costrette a cercare vie alternative al web, a rivolgersi alla grande distribuzione. Non sono cambiati i volumi di vendita ma sono notevolmente diminuiti quelli economici.

Le aziende, soprattutto le più piccole, si sono attivate molto sui social. Anche senza grandi risorse qualcuno è riuscito, con un’idea vincente, a proporsi in modo efficace. Tutto il mondo del vino dovrà convincersi che  la comunicazione digitalizzata è il futuro.

moreno rossin

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore