/ CRONACA

CRONACA | 14 giugno 2021, 22:00

Green Pass Ue: è ufficiale, parte dal primo luglio

Mentre i valdostani sono ancora in zona gialla due italiani su tre sono in zona bianca, quindi con minime restrizioni rispetto al contenimento della pandemia

Green Pass Ue: è ufficiale, parte dal primo luglio

L’Unione europea approva il Green Pass Ue con la sua sottoscrizione istituzionale del regolamento. Viene così istituito il 'Digital green pass', per facilitare gli spostamenti all'interno dell'Unione e contribuire alla ripresa economica dal primo luglio. L'entrata in vigore dei 'green pass' è prevista per il 1 luglio.

Il Green Pass attesterà per il portatore l'avvenuta vaccinazione, i test effettuati con risultato negativo o la guarigione dopo aver contratto il virus, sarà accessibile a tutti, gratuito e disponibile in tutte le lingue dell'Ue, in formato sia digitale che cartaceo; e sarà sicuro, con un codice QR firmato elettronicamente. Gli Stati membri dovranno astenersi dall'imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di un certificato Covid digitale dell'Ue, a meno che esse non siano necessarie e proporzionate per tutelare la salute pubblica.

La Commissione si è inoltre impegnata a mobilitare 100 milioni di euro nell'ambito per aiutare gli Stati membri a offrire test a prezzi contenuti. La proposta di regolamento era stata presentata il 17 marzo scorso dalla Commissione europea; il 20 maggio i co-legislatori hanno raggiunto un accordo provvisorio. Il primo giugno è diventata operativa la struttura portante tecnica del sistema, il 'gateway' dell'Ue, che consente la verifica degli elementi di sicurezza contenuti nei codici QR.

Due italiani su tre da oggi sono in zona bianca e quindi con minime restrizioni rispetto al contenimento della pandemia. E il ministro della Salute, Roberto Speranza, spera che “il 95% degli italiani sia in zona bianca nei prossimi 7 giorni”.

Si deve comunque continuare ad indossare le mascherine e a rispettare le distanze, lavando spesso le mani.

Questo significa, tra l’altro, il via libera a matrimoni e feste, ma con il green pass, al ristorante non più di 6 persone al chiuso. Due terzi d'Italia passano in zona bianca mentre il trend dei contagi continua a calare.

Mentre nelle zone gialle resta il coprifuoco alle 24 fino al 21 giugno.

"Gli studi sulla variante indiana sono ancora in corso – spiega Speranza - e non abbiamo nell'immediatezza una risposta a tutte le domande. Ma le prime ricerche ci dicono che con due dosi di vaccino la variante indiana è contenibile con una percentuale importante".

"In questo momento chi viene dal Regno Unito deve fare il tampone, è chiaro che ci riserviamo di monitorare la situazione e se l'andamento della curva dovesse peggiorare in Gran Bretagna ci riserviamo di pensare ad altre misure, come la quarantena", Speranza quindi aggiunge: “E' giusto monitorare con grande attenzione. Nella riunione che faremo oggi con gli altri ministri europei della Salute discuteremo anche di questo”.

Quindi se i contagi dovessero tornare a salire, il Governo è pronto a reinserire la quarantena per chi arrivi da quel Paese, afferma il presidente del Consiglio, Mario Draghi al termine del G7 rassicurando sui vaccini: "Nessun timore o incertezza, il piano andrà in porto".

ascova/red

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore