/ Varie cronaca

Varie cronaca | 07 aprile 2021, 10:06

La rabbia dei ristoratori torna sotto le finestre del Palazzo regionale

La rabbia dei ristoratori torna sotto le finestre del Palazzo regionale

Ristoratori, baristi, commercianti e rappresentanti dei settori terziario e turistico, molti dei quali aderenti al movimento spontaneo 'Forchette non forconi', si ritrovano dalle 11 di oggi mercoledì 7 aprile, per la terza volta in poco più di un mese, in piazza Deffeyes ad Aosta, sotto le finestre del Palazzo regionale dove si svolge l'adunanza del Consiglio Valle. Ribadiranno con slogan, striscioni e iniziative provocatorie, la loro frustrazione "per l'atteggiamento di chi durante l'estate ha fatto campagna elettorale invece di preoccuparsi a cercare strumenti per arginare i contagi e ora non ha altra soluzione che imporre chiusure che ci uccidono", ripete Jean-Claude Brunet, titolare del ristorante 'La Vache Folle' di Aosta e tra i principali animatori della protesta.

"Applicare norme che vorrebbero tutelare la salute pubblica ma riducono al limite l'economia locale senza fornire gli adeguati e urgenti ristori a chi queste norme deve sottostare vuol dire essere lontani dai problemi e dalle necessità della popolazione"; "vogliamo solo lavorare, non cerchiamo elemosine ma chiediamo il rispetto dei nostri diritti", avevano detto ad alta voce gli oratori che tre settimane fa erano intervenuti nello spazio improvvisato tra una bara di legno "dove sta finendo la Valle d'Aosta" e uno striscione che chiedeva rispetto per la montagna.

"Oggi come ieri, come dall'inizio di questa pandemia - avevano ricordato i protestatari - non abbiamo le risorse per fara fronte agli impegni, per anticipare la cassa integrazione a nostri ormai pochi dipendenti ma la politica regionale è ancora sorda al nostro grido di allarme".  Una richiesta di aiuto che oggi sarà ripetuta per l'ennesima volta.

 

 

 

 

pa.ga.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore