/ Confcommercio VdA

Confcommercio VdA | 19 marzo 2021, 10:26

I SINDACI ACCOLGANO IL SUGGERIMENTO DEL CPEL E RIDUCANO IMU AI LOCATORI DI IMMOBILI COMMERCIALI

Dominidiato ‘Nel quadro normativo ed economico nazionale, in cui deve necessariamente muoversi la politica tributaria dei Comuni, i sindaci valdostani alleggeriscano la pressione fiscale sugli immobili strumentali all’attività di impresa prevedendo importanti riduzioni dell’aliquota Imu’

Foto repertorio

Foto repertorio

Confcommercio VdA nonostante lo scorcio storico, sociale ed economico, e nel complesso quadro economico del bilancio comunale, chiede ai sindaci di fare un grande sforzo fiscale in considerazione delle difficoltà finanziarie in cui si trovano anche le imprese valdostane.

Confcommercio VdA prende atto con soddisfazione che il Comitato esecutivo del CPEL ha invitato i Sindaci dei Comuni della Valle d’Aosta a valutare l’introduzione di una riduzione sull’IMU ai proprietari di immobili commerciali che applicano a commercianti e artigiani uno sconto sull’affitto del 30% per minimo 6 mesi.

(Nella foto Graziano Dominidiato e a sn Adriano Valieri, direttore generale Confcommercio VdA)

Come già affermato anche dal Sindaco della città di Aosta Gianni Nuti, il capoluogo valdostano è stato tra i primi ad accogliere la nostra proposta e ha già previsto una riduzione della tassazione Imu per i proprietari di attività economiche e commerciali che abbiano ridotto il canone di affitto durante l’emergenza Covid-19.

A tal proposito la nostra associazione ringrazia la sensibilità del Sindaco e di tutto il Consiglio Comunale per aver preso tale decisione.

Per Confcommercio VdA si tratta di una presa di posizione tangibile e rivolta a sostenere le aziende visto il perdurare dell’attuale situazione emergenziale che incide fortemente anche su commercianti e artigiani.

“Prendiamo atto – commenta Graziano Dominidiato, Presidente di Confcommercio VdA - della disponibilità del CPEL a favorire la riduzione dell’Imu ai proprietari dei locali commerciali che riducono il canone di locazione. Si tratta di un’iniziativa che accoglie le nostre proposte al fine di contribuire a mantenere in vita le piccole attività commerciali e del terziario evitando così la desertificazione dei centri storici”.

La riduzione del canone di locazione aiuterebbe gli imprenditori a superare questo profondo periodo di crisi pandemica.

“Per questo – conclude Graziano Dominidiato che ringrazia il CPEL per la sensibilità dimostrata – ci auguriamo che sia sindaci sia i proprietari accolgano l’incentivo dell’Imu ridotta per abbassare gli affitti per almeno sei mesi alle attività economiche in difficoltà.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore