/ ECONOMIA

ECONOMIA | 18 marzo 2021, 11:00

Sindacati uniti per fondi rilancio ferrovia Pré St Didier-Chivasso-Torino

Le Segreterie Regionali dei trasporti FILT CGIL, FIT CISL, Uil trasporti, Savt trasporti e Orsa ferrovie hanno tenuto il 10 marzo un incontro con il Presidente della Giunta, il Presidente del Consiglio Regionale e i Capigruppo e il 15 marzo con il senatore Lanièce e l’onorevole Tripodi.

Sindacati uniti per fondi rilancio ferrovia Pré St Didier-Chivasso-Torino

"Sostenere e adottare tutte le iniziative della Regione in materia di infrastrutture per una mobilità sostenibile". E' l'impegno unitario che delle organizzazioni sindacali valdostane hanno assicurato al Consiglio Valle, alla Giunta ed ai parlamentari.

In particolare, le organizzazioni sindacali hanno messo al centro dell’attenzione il ripristino della linea ferroviaria Aosta/Prè-Saint-Didier sospesa nel 2015, progetto che prevede lo stanziamento di 40 milioni di euro per 31,4 km ubicati sul territorio regionale e al completamento dell’elettrificazione della tratta Ivrea/Aosta della linea ferroviaria Torino-Aosta, progetto che prevede lo stanziamento di 81 milioni di euro per 66,2 km.

"Il progetto - si legge in una nota sindacale unitaria - rientra nell’obiettivo di far diventare la Valle d’Aosta una regione “fossil free” entro il 2040, dando così attuazione alla legge regionale 22/2016 (Disposizioni per un ferrovia moderna ed un efficiente sistema pubblico integrato dei trasporti)".I sindacati sostengono che "con questi progetti presentati al Ministero e da prevedere nel Recovery Plan, la Valle d’Aosta si inserirebbe nel sistema nazionale ed internazionale dei trasporti ferroviari uscendo dall’attuale isolamento".

Di più, "l’elettrificazione - si legge ancora - consentirebbe una relazione diretta con le regioni limitrofe, utilizzando materiali rotabili più capienti e performanti".La riapertura della tratta sospesa, invece, riporterebbe il collegamento ferroviario ai piedi del Monte Bianco.

"Queste due operazioni, unitamente al nuovo Piano Regionale dei Trasporti in fase di discussione - cocnlude la nota - potranno favorire un forte rilancio della mobilità collettiva pendolare e turistica tutto l’anno".

red. miz.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore