/ Confcommercio VdA

Confcommercio VdA | 09 febbraio 2021, 12:35

RISTORANTI CONVENZIONATI CON ALBERGHI APERTI FINO ALLE ORE 22. LO CHIEDE FIPE-CONFCOMMERCIO VDA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE ERIK LAVEVAZ

Graziano Dominidiato, ‘Una proposta-richiesta tesa all’equità e alla solidarietà tra categorie'

RISTORANTI CONVENZIONATI CON ALBERGHI APERTI FINO ALLE ORE 22. LO CHIEDE FIPE-CONFCOMMERCIO VDA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE ERIK LAVEVAZ

In previsione dell’imminente apertura degli impianti nei comprensori sciistici Fipe-Confcommercio VdA ha inviato una lettera al Presidente della Regione, Erik Lavevaz, per chiedere di mantenere in orario serale le attività di ristorazione aperte fino alle ore 22, per gli esercizi convenzionati con alberghi e strutture ricettive in genere non dotate di tale servizio.  

“Si tratta di una richiesta – spiega Graziano Dominidiato, Presidente Fipe-Confcommercio VdA – che mira a dare un’opportunità agli operatori per poter affrontare questo momento di grande difficoltà causate dalle varie limitazioni per il mantenimento del distanziamento sociale”.  

Su sollecitazione di Fipe-Confcommercio VdA del 06 febbraio 2021, l’Area legale di Fipe Nazionale ha predisposto una lettera indirizzata al Presidente della Regione, Erik Lavevaz e inviata questa mattina, nella quale viene chiesta la revisione dell’Ordinanza n. 56 del 5 febbraio 2021 punto 7 “su apposita base contrattuale tra le strutture, i clienti degli alberghi e strutture ricettive prive di ristorazione possono fruire, senza limiti di orario, dei servizi di ristorazione di altro albergo o struttura ricettiva”  che appare ingiustificatamente iniqua nella parte in cui non prevede che il medesimo servizio possa essere reso, alle medesime condizioni, dagli esercizi di ristorazione.  

Graziano Dominidiato aggiunge che “il servizio di somministrazione, con le attività in ginocchio, deve essere reso, alle medesime condizioni, anche dagli esercizi di ristorazione e chiedo al Presidente Lavevaz di porre rimedio al più presto al fine di ristabilire l’equità sopra citata e ridare dignità a tutta la ristorazione”.  

Nella sostanza Fipe-Confcommercio propone che gli esercizi alberghieri che non hanno la possibilità di garantire il servizio ristorazione ai clienti possano stipulare convenzioni con i ristoranti i quali a loro volta possano garantire la ristorazione fino alle ore 22 ma limitatamente ai clienti in convenzione alberghiera. Nella lettera inviata al Presidente Lavevaz, Fipe-Confcommercio VdA ricorda che continuano a essere consentite (senza limiti di orario) le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, purché sia garantito il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e delle altre misure di prevenzione stabilite nei protocolli e nelle linee guida vigenti.

Il codice ateco “56.29 per mense e catering continuativo su base contrattuale include i servizi di ristorazione per le imprese, ovvero la fornitura di pasti preparati sulla base di accordi contrattuali stipulati con il cliente per uno specifico periodo di tempo. Una norma per la quale Confcommercio-Fipe VdA chiede la possibilità di estendere l’accordo tra ristoratori e albergatori.  

Per info:- Confcommercio Valle d’Aosta  0165/40004

In calce la lettera inviata da Confcommercio-Fipe al Presidente Lavevaz

Files:
 Lettera Presidente Regione Valle d Aosta Ord 5 febbraio 2021 (221 kB)

info Confcommercio VdA

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore