/ CULTURA

CULTURA | 31 gennaio 2021, 12:00

LIBRARTE: Le Miniature dei Fratelli Limbourg

A cura di Manuela Moschin del blog www.librarte.eu e del gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera https://www.facebook.com/groups/storiedilibriCOM/

LIBRARTE: Le Miniature dei Fratelli Limbourg

I tre fratelli olandesi Herman, Jean e Pol Limbourg (Nimega, 1380-90 ca.-Digione,1416) divennero celebri soprattutto per le miniature realizzate in stile gotico internazionale. Si trasferirono in Francia dove il ricco duca Jean de Berry (1340-1416) gli commissionò il famoso codice miniato “Le Très Riches Heures du Duc de Berry” (1412-1415).

Iniziato nel 1411, alla morte dei fratelli il libro d'ore rimase incompiuto e terminato da altri miniatori. Si tratta di un'opera riccamente decorata, contenente salmi, preghiere e un calendario dotato di miniature raffinate ed eleganti. Le illustrazioni raffigurano i dodici mesi, in ognuno dei quali fu rappresentato il segno zodiacale. Vennero realizzate tramite uno stile di corte, nel quale si ammirano incantevoli paesaggi dall’aspetto fiabesco, tra cieli azzurri e prati verdeggianti o innevati, castelli e torri, cavalieri, contadini, feste di primavera e giovani eleganti. Le miniature venivano probabilmente eseguite con la lente d’ingrandimento attraverso un minuzioso naturalismo e una tonalità di colori brillanti.

Ci si incanta a osservare i minimi dettagli. Se si pensa che le opere vennero eseguite all'interno di un riquadro di soli cm. 14x22, sembra quasi impossibile riuscire a ottenere un risultato così particolareggiato dalla piccola stellina al filo d'erba. 

Scrisse E.H.Gombrich riferendosi alla miniatura dedicata la mese di maggio (Fig.5):«La miniatura rappresenta la festa di primavera che si celebrava ogni anno alla corte ducale. I gentiluomini cavalcano attraverso un bosco in abbigliamenti vivaci e inghirlandati di fronte e fiori. Vediamo come il pittore godesse lo spettacolo delle belle fanciulle nelle loro vesti eleganti, e come fosse compiaciuto nel ritrarne sulla pagina tutto lo sfarzo multicolore».

A cura di Manuela Moschin curatrice della pagina Facebook e Blog www.librarte.eu

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore