/ CRONACA

CRONACA | 11 gennaio 2021, 12:39

Il Garante della Valle d'Aosta ai detenuti, 'ci insegnate cosa vuol dire resilienza'

Enrico Formento Dojot

Enrico Formento Dojot

Enrico Formento Dojot, Garante dei diritti dei detenuti della Valle d’Aosta, ha formulato ai carcerati nella Casa circondariale di Brissogne gli auguri per il nuovo anno.

Questa la lettera di auguri:

"Abbiamo appena chiuso un anno che mai avremmo voluto vivere. La pandemia ci ha colto a inizio 2020 e, purtroppo, ancora ci attanaglia con il suo peso che mette in pericolo il nostro diritto alla salute ma, anche, le nostre prospettive future in termini di lavoro e di ripresa economica in generale. E, per voi, di ritorno alla libertà. Sarà un periodo difficile, ma nessuno deve rimanere indietro.

Le Autorità, a mio parere, dovranno informare le loro azioni nel rispetto e nell'applicazione di questo fondamentale principio, che attiene all'uguaglianza e alla dignità di ognuno di noi. Talvolta si registrano espressioni di una mentalità sbagliata e molto pericolosa, secondo la quale ciascuno deve pensare a se stesso.

Mentalità frutto di egoismo, che non può che portare sventure. In realtà, ci si salverà solo insieme, solo se saremo attenti ai bisogni dell'altro, se recupereremo appieno il senso di appartenenza ad una comunità che cammina unita. Nel frattempo, siamo tutti chiamati a rispettare le regole di precauzione e a praticare la resilienza.

Proprio voi che siete ristretti nella vostra libertà, ci insegnate quotidianamente il significato di questa parola, 'resilienza': la capacità di affrontare e superare il periodo così difficile della detenzione. Auguro a voi e alle vostre famiglie un sincero e sereno 2021".

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore