/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 31 dicembre 2020, 16:03

Il COVID-19 ha messo a nudo il re e tutta la sua corte

Il 2020 è concluso e l’anno nuovo deve essere affrontato senza dimenticare gli errori del passato e il fatto che stavamo male anche quando stavamo bene

Giovan Battista De Gattis

Giovan Battista De Gattis

Abbiamo disperatamente bisogno di assaporare nuovamente la normalità: lavorare, studiare, viaggiare e amare senza troppi lacci o lacciuoli.

Per riprenderci la nostra vita dobbiamo proteggere quella degli altri e lo possiamo fare con il vaccino (la mia 1a dose è prevista per il 04/01), anche se non sarà lui a salvarci dalla grettezza umana.

Nel 2020 sembra che tutti i problemi della Sanità (come ad esempio la carenza di personale infermieristico) siano stati provocati da un nemico comune, ma in verità il COVID-19 ha solo messo a nudo il re e tutta la sua corte.

Il personale sanitario e le loro famiglie stanno sopportando un sovraccarico psicofisico che non è completamente correlabile alla situazione contingente.

Lo stress a cui sono tuttora sottoposti purtroppo lascerà un segno indelebile nelle loro anime e pertanto risulta totalmente inadeguata l’indennità riconosciuta per la 1a ondata (22 euro lorde per ogni turno passato in prima linea).

Il nostro disappunto non è tanto per la quantità di denaro che finirà nelle tasche degli infermieri, quanto per la monetizzazione del benessere psicofisico degli operatori sanitari che sono e rimangono esseri umani.

Tanti infermieri (ma non solo) sono stanchi e insoddisfatti: qualcuno sta pensando di abbandonare la professione mentre altri, non potendo cambiare lavoro, si stanno ammalando.

Assessorato, Azienda e OO.SS. devono intervenire al più presto e definire insieme una strategia politica in grado di valorizzare e motivare il personale sanitario, salvaguardare il benessere organizzativo e promuovere la conciliazione lavoro-famiglia.

Ecco perché, come già detto all’Assessore Barmasse, nel 2021 è indispensabile iniziare a ragionare sulla pianta organica dell’Azienda USL e lo sviluppo delle sue risorse umane.

Dott. Giovan Battista De Gattis Segretario Territoriale NurSind Aosta

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore