/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 28 dicembre 2020, 20:57

Per Damiano necessario rendere strutturale Ape Sociale

Chiamarla Quota è improprio. Si tratta, invece, di una 'finestra' che richiede requisiti minimi fissi: 62 anni di eta' e 38 di contributi.

Cesare Damiano

Cesare Damiano

"Quota 100, al di la' dei suoi aspetti positivi e negativi (a seconda dei punti di vista), non ha superato la legge Monti-Fornero. Si e' trattato di una misura che scade a fine 2021 e che e' stata finanziata per soli tre anni. Questo Salvini lo sa". Lo dichiara Cesare Damiano, gia' ministro del Lavoro e consigliere Inail, a proposito delle parole di Matteo Salvini su Quota 100.

"Chiamarla Quota - continua - e', inoltre, improprio. Si tratta, invece, di una 'finestra' che richiede requisiti minimi fissi: 62 anni di eta' e 38 di contributi. Chi sta al di sotto di questi numeri in pensione non ci va; e sappiamo che difficilmente le lavoratrici arrivano ad avere 38 anni di contributi. Questo e' sicuramente un aspetto negativo. Che fare allora, oltre alla solita propaganda? Suggerisco di rendere strutturale l'Ape Sociale e di allargare le tipologie dei lavori gravosi, anche includendo, ad esempio, chi e' stato maggiormente esposto alla pandemia.

L'eta' per andare in pensione per questa tipologia di lavori dovra' essere confermata e non prevedere penalizzazioni: 63 anni di eta' con un numero di contributi compreso tra i 30 anni (per disoccupati e lavoratori dell'edilizia) e i 36 anni. Un modo piu' equo di rendere accessibile a uomini e donne la flessibilita' previdenziale. A queste ultime va anche riconosciuta una maggiorazione contributiva per i figli. Introdurre una misura di flessibilita' pensionistica senza penalizzazioni per chi svolge lavori usuranti, gravosi, esposti o e' disoccupato, e' una misura sociale moderna e di equita'".

"Per chi non rientra in queste categorie si puo' prevedere una penalizzazione del 2-3% per ogni anno di anticipo (proposta di legge 857/2013 Damiano-Gnecchi-Baretta). Mi auguro che questa discussione torni a essere svolta nel tavolo di confronto Governo-parti sociali e che sia sottratta al rischio di un approccio solamente propagandistico", ha concluso Damiano

red.pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore