/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 22 dicembre 2020, 20:34

Apertura sci slitta a fine gennaio, stagione invernale messa ko dal coronavirus

Apertura sci slitta a fine gennaio, stagione invernale messa ko dal coronavirus

Quando inizierà, se inizierà, sarà ormai tempo di carnevale per la stagione dello sci sulle montagne italiane. Secondo Valeria Ghezzi, presidente dell'Associazione nazionale esercenti funiviari-Anef, l'avvio degli impianti di risalita il 7 gennaio previsto dal Dpcm "è un'utopia". "Con una situazione sanitaria così compromessa - spiega Ghezzi - non ha senso pensare di riaprire gli impianti. Se cala il contagio possiamo ipotizzare un'apertura tra il 20 e il 30 gennaio, non prima. Ora dobbiamo puntare ad avere un protocollo, che è fermo al Cts, poi penseremo ad individuare una data certa per la riapertura".

Intervenuta oggi al salone Skipass di Modena, Ghezzi ha ribadito: "Con l'Austria che aprirà e la Svizzera che non ha mai chiuso, spero che anche in Italia si capisca che non possiamo essere l'unico territorio delle Alpi a non aprire. Anche i francesi hanno un obiettivo di apertura e una chiarezza sui ristori, cosa che a noi manca completamente. Noi siamo tutti pronti, nel momento in cui si potesse aprire, a rimboccarci le maniche e farlo nel tempo più breve possibile, ma abbiamo bisogno di risposte che non arrivano".

La riflessione è sulla convenienza o meno di avviare la stagione dello sci. "Dai conti che ho fatto - ha osservato Ghezzi - sul piano economico conviene aprire, se si riesce a farlo, entro fine gennaio o al massimo ai primi di febbraio. Se si andasse oltre non converrebbe più".

"Noi vogliamo aprire - ha concluso - e faremo il possibile e anche l'impossibile, seppure tra mille incertezze, però non vogliamo e non dobbiamo illudere nessuno. Per noi questa non è solo una sciata, ma una questione di vita o di morte".

Sulla stessa lunghezza d'onda i maestri di sci: "Noi auspichiamo che la ripartenza avvenga il prima possibile. Se non sarà possibile il 7 gennaio, speriamo che ci sia comunque una data certa: noi siamo legati a doppio filo all'apertura degli impianti" dichiara Giuseppe Cuc, presidente del Collegio nazionale dei maestri di sci.

In Valle d'Aosta prevale la rassegnazione, soprattutto tra gli albergatori, per una stagione "ormai definitivamente compromessa". "E' poi è da vedere - sottolineano le società di impianti a fune valdostane, che temono un crollo del fatturato rispetto alla stagione scorsa - cosa si apre e come si apre. Ci sono le incognite sugli arrivi dall'estero e sugli spostamenti tra regioni: sono ancora così tante la variabili che fare i conti è difficile".

i.d. - ansa-rava

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore