/ Confcommercio VdA

Confcommercio VdA | 15 dicembre 2020, 11:00

GOVERNO E GIUNTA REGIONALE ISTITUISCANO FONDI A INTEGRALE INDENNIZZO DELLE PERDITE SUBITE DA RISTORATORI ED ESERCENTI

Dominidiato, ‘Assurdo chiudere ristoranti e lasciare aperti nelle metropoli italiane i centri commerciali o i luoghi che favoriscono un forte assembramento, non è ammissibile equiparare il territorio della Valle d’Aosta a quello per l’appunto delle grandi città italiane. ’Valieri ‘In caso di chiusura per le feste sia previsto risarcimenti del 75% per il mancato fatturato’

GOVERNO E GIUNTA REGIONALE ISTITUISCANO FONDI A INTEGRALE INDENNIZZO DELLE PERDITE SUBITE DA RISTORATORI ED ESERCENTI

Sono più untori una decina di avventori di bar e ristoranti che osservano le norme di distanziamento o chi affolla vie e centri commerciali delle grandi metropoli italiane? Più che una domanda è una provocazione di tanti ristoratori che stanno subendo la beffa di poter riaprire solo domani ma che all’orizzonte vedono profilarsi l’ombra di dover chiudere il 23 per un nuovo Dpcm che potrebbe irrigidire ulteriormente le norme anti Covid con la possibilità di un nuovo 'tutti a casa'per Natale.“

La categoria dei ristoratori ed esercenti – commenta Graziano Dominidiato, presidente di Confcommercio/FipeVdA – è la più penalizzata e quella che più di altri ha pagato il prezzo più alto delle politiche sanitarie per contrastare la pandemia. E’ tempo che il Governo regionale si faccia carico della gravissima situazione che vivono tante famiglie che traggono il loro unico reddito dall’attività delle loro micro imprese che tutte assieme rappresentano un comparto di grande importanza per il Pil della nostra regione”.

Per queste ragioni Adriano Valieri, Direttore Generale di Confcommercio VdA, ribadisce riportando la posizione di Fipe-Confcommercio: “I nostri ristoratori ed esercenti chiedono solo di poter lavorare NEL PIENO RISPETTO DEI PROTOCOLLI E IN ASSOLUTA SICUREZZA, se il governo dovesse decidere di seguire il modello tedesco allora occorrono misure come quelle adottate in Germania: ristoro al 75% dei fatturati calcolato sui mesi di novembre edicembre, riduzione dell’iva al 5% e tutela dagli sfratti”.

Le imprese della ristorazione sono luoghi sicuri e l’appello che lanciamo a tutta la categoria dei pubblici esercizi è rispettare per l’appunto i protocolli e dimostrare che nei pubblici esercizi si lavora in sicurezza. Per tutti gli imprenditori la salute pubblica è al primo posto ma sono pronti a fare di più, garantendo un maggiore distanziamento tavoli e concedendo a Natale e nel periodo festivo l’accesso ai ristoranti solo su prenotazione, dando così una mano sulla raccolta dei dati e rendendo più semplice ed efficace il tracciamento.

“Chiediamo al Governo e alla Giunta regionale – conclude Graziano Dominidiato - di lasciarci lavorare, le nostreimprese non si possono spegnere dall’oggi al domani, come se fossero automobili: molti locali hanno già acquistato le merci per le feste e organizzato il personale. Chi li risarcirà in caso di chiusura?”.

info Confcommercio VdA

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore