/ I consigli di nonna Luisa

I consigli di nonna Luisa | 10 dicembre 2020, 14:53

Gadget personalizzati per avvocati e professionisti

L’importante è che i gadget scelti siano sempre coerenti con il tipo di attività svolta.

Gadget personalizzati per avvocati e professionisti

Chi pensa che la brand identity sia una prerogativa delle aziende si sbaglia di grosso. Oggi i liberi professionisti sono tanti e per emergere hanno bisogno di curare la loro immagine al pari delle imprese. In tal caso si parla allora di “personal branding”, che si realizza quando si riesce a creare una riconoscibilità intorno alla propria immagine, professione e ai servizi offerti. In più si associano ad essi caratteristiche e valori ben precisi.

Oggi gli strumenti per portare avanti questa strategia sono tanti, a partire dal web. La creazione di un sito o la presenza sui social come Linkedin, nati proprio per accogliere professionisti, freelance, dipendenti, manager e altre categorie, sono di certo indispensabili, ma non dimentichiamo il ricorso a metodi tradizionali che oggi sono ancora validi. È questo il caso dei gadget personalizzati che variano non solo in base alle esigenze del professionista, ma anche in considerazione del target al quale sono destinati.

È importante distinguersi dagli altri e valorizzare i propri punti di forza anche attraverso piccoli accorgimenti che possono fare la differenza. Un architetto può decidere di dotarsi di matite che riprendono il suo nome, logo e marchio, da rilasciare a clienti e collaboratori. Il gadget diventa, infatti, un tratto distintivo che viene immediatamente associato alla persona che ce ne fa dono.

Avvocati e professionisti possono giocare proprio sugli accessori che usano più spesso per dotarsi di oggetti che riportano anche i contatti e le informazioni più importanti. In questo caso la scelta giusta potrebbe essere ricorrere ad agende personalizzate, che oggi anche online sono richiedibili in tante varianti sempre più innovative.

L’importante è che i gadget scelti siano sempre coerenti con il tipo di attività svolta. Se le agende ci danno l’idea del senso di organizzazione, ordine e professionalità; la scelta di una t-shirt per rafforzare il personal branding è meno indicata per trasmettere questi valori. Potrebbe invece essere adatta se il messaggio che vogliamo comunicare è amichevole e scanzonato.

Questo significa che, come accade per le aziende, anche il libero professionista non deve sottovalutare l’importanza del gadget né ciò che rappresenta agli occhi di chi lo guarda.

Ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore