/ CULTURA

CULTURA | 13 novembre 2020, 09:22

La strage del Bataclan frutto del terrorismo

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare la strage e Valeria proponendo agli studenti e ai docenti di adottare, giorno 13 novembre, nei canali social l'hashtag #UnitinelRicordodiValeria

Valeria Solesin, vittima innocente del terrorismo

Valeria Solesin, vittima innocente del terrorismo

La sera del 13 novembre del 2015 veniva uccisa dai terroristi la giovane Valeria Solesin insieme ad altre ottantanove persone nel famoso e storico locale Bataclan, presso Parigi. Valeria era lì per divertirsi, ballare, cantare, per passare un momento di evasione dal tran tran quotidiano, ascoltando la musica al concerto del gruppo rock statunitense Eagles of Death Metal.

Valeria, 28 anni, laureata a Trento, era a Parigi per approfondire i suoi studi di Sociologia e demografia nella prestigiosa Università della Sorbona, un cervello in fuga come tanti altri. 

Nel tempo libero si dedicava al volontariato dedicandosi particolarmente ai temi legati alla famiglia e ai bambini.

La violenza verso gli altri, la rabbia, le aggressioni sono la dimostrazione di una forte predominante dell'ignoranza sociale, della follia e della manipolazione, che, nelle ombre dei tuguri metropolitani e nelle aree svantaggiate, molte volte crescono e si sviluppano con effetti devastanti.

Supportare economicamente e culturalmente le fasce più deboli della società è il miglior vaccino per curare il male dell’estremismo ideologizzato combattendo così la cultura dell’inganno e del fanatismo.

Prof. Romano Pesavento Presidente CNDDU

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore