/ ECONOMIA

ECONOMIA | 26 ottobre 2020, 22:30

Allarme del Savt, 'su tsunami Covid subito confronto tra parti sociali e Regione'

Allarme del Savt, 'su tsunami Covid subito confronto tra parti sociali e Regione'

"La Valle d'Aosta rischia di entrare in una crisi economica e sociale devastante". Lo sostiene in una nota il sindacato autonomo valdostano Savt, dopo una lettura del nuovo Dpcm che contiene misure alquanto restrittive per contenere il contagio da Covid-19.

"Impianti a fune chiusi, Casinò chiuso, stagione invernale a forte rischio, attività di bar e ristorazione a mezzo servizio -  sostiene il Savt - con inevitabili conseguenze su tutti gli altri settori commerciali ed economici: con questo scenario è difficile immaginare un futuro roseo per la nostra regione".  

Secondo la  segreteria confederale del Savt, "se si vuole evitare che la situazione sfugga di controllo e si rischi che la disperazione abbia il sopravvento sulle persone, con l'inevitabile conseguenza che le manifestazioni di piazza alle quali abbiamo assistito in questi giorni siano solo l'inizio di un disagio incontrollato, è fondamentale avviare un confronto urgente tra parti sociali e Governo regionale".

"Trovare le soluzioni necessarie per la gestione sanitaria dell'emergenza e per garantire le dovute risposte alla crisi sociale ed economica -  sostiene il sindacato - questi sono i temi che devono essere al centro del confronto. Bisogna agire nell'ambito delle nostre competenze statutarie e mettere in atto tutte le azioni normative che possano fare ripartire il prima possibile il settore economico".

E' poi urgente "fare una ricognizione delle risorse economiche che sono a disposizione del bilancio regionale, comprese quelle stanziate nei mesi scorsi e non ancora utilizzate, e subito dopo approvare delle azioni importanti di sostegno per il sistema socio-economico e per garantire la giusta dignità alle persone".  

Conclude la nota: "Imparando anche da quanto è avvenuto nei mesi scorsi e dagli errori inevitabilmente commessi, la cosa più importante è fare in fretta. Non possiamo assolutamente perdere tempo. Le persone hanno bisogno di risposte certe e immediate, altrimenti il rischio è veramente quello che la disperazione e lo sconforto prendano il sopravvento".  

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore