/ CISL VdA

CISL VdA | 21 ottobre 2020, 14:11

Dalla Ministra Dadone un grande errore sullo smart working". Cgil, Cisl, Uil: "Una scelta gravissima"

Il Decreto rischia di inibire gli accordi di secondo livello già sottoscritti nelle singole amministrazioni ed enti e nei fatti rende facoltativo il confronto sulle materie attinenti l'utilizzo dello smart working

Dalla Ministra Dadone un grande errore sullo smart working". Cgil, Cisl, Uil: "Una scelta gravissima"

"L'atto unilaterale che attribuisce ai dirigenti tutte le possibilita' e il potere di gestire lo smart working lo riteniamo un grande errore. Stavamo discutendo di come gestirlo nella contrattazione. Vogliamo che vengano garantite alcune tutele a partire dal diritto alla disconnessione".

E' il commento della Segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan dopo la sigla da parte della Ministra per la Funzione Pubblica, Fabiana Dadone,  del Decreto Ministeriale con il quale sono state individuate le modalità organizzative per lo svolgimento del lavoro agile nelle Pubbliche Amministrazioni ai sensi di quanto stabilito dall’art.263 del DL n. 34/2020 (Decreto Rilancio).

"Gravissima la scelta della Ministra Dadone sullo  smart working" per Cgil Cisl Uil che in una nota congiunta sottolineano come "l’emergenza sanitaria avrebbe potuto e dovuto costituire 'l’opportunità', citando le parole della Ministra Dadone,  per spronare buone pratiche in grado di innovare l'organizzazione del lavoro, favorire percorsi di formazione ed aggiornamento del personale, investire concretamente sulla digitalizzazione degli strumenti e dei processi amministrativi e rilanciare lo smart working in quanto tale e non come mera misura di sicurezza".

 “Tutto questo sarebbe stato possibile se si fosse condiviso un percorso sinergico con i lavoratori e le parti sociali, come in più occasioni abbiamo richiesto. Al contrario con una gravissima scelta - ancora una volta unilaterale – il Ministro per la Funzione Pubblica ha deciso di normare lo smart working nelle pubbliche amministrazioni”. "Si è preferito trincerarsi dietro l'imposizione di percentuali che lasciano quindi all'assoluta discrezionalità dei datori di lavoro la scelta di chi potrà accedere al lavoro agile, ricomprendendo per legge materie destinate per loro natura alla contrattazione".

"Dopo mesi in cui abbiamo assistito a continue modifiche delle modalità di utilizzo di questo strumento, - prosegue la nota congiunta - pretestuosamente motivate ed in realtà modellate dagli umori di chi quotidianamente ne ha criticato l'efficacia negando i risultati conseguiti dai lavoratori pubblici all’interno dell’attuale scenario di crisi, dopo aver imposto in troppe amministrazioni il rientro coatto, con ciò che questo ha comportato in termini di mobilità soprattutto nelle grandi città, si decide ancora una volta di ignorare il ruolo delle organizzazioni sindacali, ricorrendo a meccanismi rigidi che non tengono conto delle diversità delle varie amministrazioni e delle esigenze del personale. In spregio a quanto previsto dai contratti nazionali, il Decreto rischia di inibire gli accordi di secondo livello già sottoscritti nelle singole amministrazioni ed enti e nei fatti rende facoltativo il confronto sulle materie attinenti l'utilizzo dello smart working, calpestando il protocollo quadro per la prevenzione e la sicurezza dei dipendenti pubblici sui luoghi di lavoro sottoscritto appena 3 mesi fa: una scelta gravissima, che riporta indietro alle stagioni peggiori la funzione della contrattazione nel lavoro pubblico” concludono Cgil, Cisl, Uil.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore