/ Aosta Capitale

Aosta Capitale | 21 ottobre 2020, 17:55

Aosta: Escluse le Oss comunali dai fondi per dipendenti in prima linea contro il Covid-19

Gianni Nuti, neo sindaco di Aosta, assicura massimo interessamento 'per riuscire a ricomporre questa vicenda di cui sino ad oggi non ero minimanente a conoscenza'

Aosta: Escluse le Oss comunali dai fondi per dipendenti in prima linea contro il Covid-19

Mentre il 90% degli aostani trascorreva i giorni nella frustrazione domestica del lockdown, ma al riparo dal contagio, loro lavoravano quotidianamente con anziani, persone in difficoltà, intervenendo sempre e comunque in prima linea quando ce n'era bisogno. Eppure le cinque Operatrici socio-sanitarie-Oss del Comune di Aosta sono le uniche dipendenti dell'Amministrazione aostana a essere state escluse dalla ripartizione dei circa 25 mila euro prelevati dal Fondo produttività a integrazione del sostegno regionale e destinati al personale pubblico socio sanitario e amministrativo che ha lavorato in presenza nei mesi di marzo e aprile scorsi.

L'utilizzo dei fondi incentivanti era stato sollecitato dal sindacato Savt e ora il rappresentante della categoria Funzione pubblica, Mauro Cretier, annuncia l'apertura di una vertenza contro il Comune di Aosta per condotta antisindacale, nella speranza di riuscire a 'recuperare' la situazione e far inserire le Oss nella ripartizione della somma 'premio'.

"Che suddivisa per tutti i dipendenti cui spetta è quasi simbolica -  spiega Cretier - ma si tratta di un diritto sacrosanto, di un principio che non può e non deve essere violato. Le Oss comunali sono le dipendenti che hanno fatto doppi turni per mesi e hanno rischiato maggiormente di ammalarsi di Covid-19, la loro tutela è stata inserita nella contrattazione sui fondi incentivanti e non ci stiamo a prendere la porta in faccia per qualche ingiusto vizio formale o burocratico. Quei soldi saranno pochi, ma le Oss devono averli".

Gianni Nuti, neo sindaco di Aosta, appresa la notizia ha assicurato "massimo interessamento per riuscire a ricomporre questa vicenda di cui sino ad oggi non ero minimanente a conoscenza".

patrizio gabetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore