/ CRONACA

CRONACA | 17 ottobre 2020, 14:48

Scoperti e denunciati due sinti autori dei raid estivi di furti in Valle

Scoperti e denunciati due sinti autori dei raid estivi di furti in Valle

Al termine di una complessa attività investigativa, la Squadra mobile della questura di Aosta ha denunciato due persone di etnia nomade 'sinti' provenienti dal Piemonte, ritenuti dalla polizia responsabili dei numerosi furti in appartamento avvenuti in Valle tra giugno e luglio scorsi. Nei loro confronti, nei giorni scorsi gli investigatori della Questura di Aosta hanno eseguito due ordinanze di misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di provenienza, in provincia di Torino.

Nel corso delle indagini gli agenti hanno analizzato i furti che sono stati segnalati in Valle nel corso della scorsa estate, rilevando che il modus operandi era sempre lo stesso: i ladri approfittavano dell’assenza dei proprietari delle abitazioni oppure, dichiarando di essere operatori di società di gestione dell’acqua o del gas e asserendo di dover effettuare controlli alle tubature – per la possibile presenza di mercurio – riuscivano a convincere le vittime a lasciarli entrare in casa, dalla quale asportavano in pochissimi minuti tutto l’oro ed i gioielli che riuscivano a trovare.

In due occasioni alcuni residenti hanno notato due autovetture sospette nei pressi delle abitazioni colpite dai furti e, grazie anche alla descrizione di un’altra autovettura fornita da alcuni agenti delle Volanti intervenuti per il sopralluogo successivo al furto, sono stati individuati i due sinti responsabili dei furti.

La Procura di Aosta, all’esito dell’esame di tutto il materiale probatorio raccolto durante le indagini ha aperto un procedimento penale a carico degli indagati che ha avuto come esito l’emissione, da parte del Tribunale di Aosta, di due ordinanze di obbligo di dimora nel comune di provenienza (in provincia di Torino), che vietano ai due indagati di fare ritorno in Valle d’Aosta senza l’autorizzazione dell’Autorità giudiziaria.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore