/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 16 ottobre 2020, 09:00

Il 24-25 ottobre una festa per ripartire: le celebrazioni, le preghiere, l'affidamento alla Santa delle rose

Il Santuario torinese dedicato a Santa Rita si prepara a una festa “eccezionale”

Il 24-25 ottobre una festa per ripartire: le celebrazioni, le preghiere, l'affidamento alla Santa delle rose

“La pandemia  - spiega Mons. Mauro Rivella, parroco e rettore del Santuario - ci ha costretti a realizzare in tono minore, lo scorso 22 maggio, la solennità annuale. Riprendendo le normali attività, vogliamo ora offrire a tutti un’occasione di festa, raccoglimento e preghiera”.

La statua della Santa, che normalmente è collocata all’interno del Santuario, sarà portata nel cortile dell’oratorio (con accesso da via Barletta), in modo che i fedeli possano renderle omaggio in piena sicurezza.

L’accesso al cortile sarà consentito sabato 24 ottobre dalle ore 8,30 alle ore 21,00 e domenica 25 ottobre dalle ore 8,30 alle ore 22,30 e il servizio verrà garantito dai volontari che cureranno il percorso di visita che si snoderà all’interno dei cortili.

Sarà possibile come di consueto accendere un lumino davanti alla statua ed inoltre ricevere la rosa, segno caratteristico della Santa di Cascia.

Le Messe saranno celebrate in Santuario sabato 24 ottobre alle 7.15 – 8.00 – 10.00 – 16.00 e 18.00.

Domenica 25 ottobre Messe alle 7.30 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 16.00 – 18.00 – 19.30 e 21.00.

“Affidiamo a Santa Rita le nostre necessità e i nostri desideri – conclude Mons. Rivella - certi che il Signore non ci abbandona nella difficoltà e ci darà la forza per superare anche questo tempo di prova”. La festa ha ricevuto il Patrocinio della Circoscrizione 2 Santa Rita, Mirafiori nord e Mirafiori sud.

Per aggiornamenti sulla festa e ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.srita.it.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore