/ Chez Nous

In Breve

venerdì 09 ottobre
giovedì 08 ottobre
martedì 06 ottobre
lunedì 05 ottobre
sabato 19 settembre
Nani e titani
(h. 12:00)
sabato 12 settembre
Valori
(h. 12:00)
sabato 05 settembre
Procella elettorale
(h. 12:00)
sabato 29 agosto
sabato 22 agosto
Dilettantesimo
(h. 12:00)
sabato 15 agosto
Laurismo rossonero
(h. 12:00)

Chez Nous | 07 ottobre 2020, 08:30

Scuola valdostana nella baraonda per il covid-19

Dirigenti silenti, genitori preoccupati, studenti discriminati, professori in quarantena, supplenti imberbi. A pagare sono gli studenti che perdono ore di lezione e accumulano ritardi nello svolgimento dei programmi

Scuola valdostana nella baraonda per il covid-19

Tutto tace. Assessori che fanno le valige non si rendono contro in che situazione stanno lasciando lasciato la scuola valdostana; dirigenti delle istituzioni scolastiche che non informano i genitori né gli studenti; insegnanti in isolamento covid nulla facenti quando potrebbero tenere le lezioni a distanza; classi in isolamento che possono seguire le lezioni a distanza; classi con i professori in isolamento sostituiti da insegnanti imberbi di qualche anno più anziani degli studenti che perdono così ore e ore di lezione.

E’ questa la fotografia di tante scuole valdostane dove l'incremento dei casi di Covid 19 schizza come non si era mai visto tanto che un quotidiano ha titolato ‘Il Covid dilaga: 13 classi in quarantena”, che in termini assoluti significa che oltre 300 tra docenti e studenti ‘confinati’ tra le mura domestiche. Forse gli assessori regionali delegati alla scuola e alla salute erano impegnati nella campagna elettorale e così succede che la scuola si è trovata impreparata ad affrontare l’ondata di ritorno del Covid-19.

Una situazione davvero caotica che ha trasformato la scuola valdostana in un baraonda senza precedenti. I genitori non sanno più a che santo votarsi per avere informazioni certe sulla situazione. Soprintendenza, Usl, dirigenti silenti. La politica si è nascosta all’ombra della burocrazia.

E così la situazione in tanti classi è estremamente difficoltosa. Dal suono della campanella sono trascorse tre settimane e le polemiche sulla scuola sono una realtà con l’allerta Covid che vede crescere il numero dei positivi e delle scuole.

La scuola valdostana sembra aver imboccato la strada di non riuscire a garantire il servizio: non ci sono docenti, le lezioni non vengono svolte, le classi in quarantena possono seguire le lezioni a distanza, le classe in aula hanno docenti supplenti senza una reale preparazione per far svolgere regolarmente il programma. Ma tutto tace. Chi tutela gli studenti e le famiglie?

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore