/ ECONOMIA

ECONOMIA | 24 settembre 2020, 14:18

Il Consiglio Sindacale Interregionale Alpi-Arco Lemano celebra sul Bianco 30 anni di attività

Per parlare di ambiti transfrontalieri e celebrare i 30 anni del Consiglio Sindacale Interregionale Alpi –Arco Lemano, il Presidente Jean Dondeynaz ha cercato uno spazio capace di allargare gli orizzonti, superando i confini. Non ci poteva essere miglior location che la sala “La Verticale”sul tetto d’Europa, presso la stazione del Pavillon della Skyway Monte Bianco a Courmayeur

Il Consiglio Sindacale Interregionale Alpi-Arco Lemano celebra sul Bianco 30 anni di attività

Mercoledì 30 settembre, a partire dalle ore 9,30 (la salita 1h prima) per il trentennale del Consiglio Sindacale Interregionale Alpi – Arco Lemano, è in programma una tavola rotonda dal titolo: “Un sindacato senza frontiere” dove, cementando l’amicizia tra realtà transfrontaliere, si affronteranno i temi su Lavoro, Ambiente, Trasporti, Migranti e Infrastrutture.

Moderati da Luciano Caveri, alla tavola rotonda partecipano il Segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri, il Segretario Generale aggiunto della Cisl Luigi Sbarra, la responsabile per la Cgil delle politiche internazionali Susanna Camusso, le responsabile des questions européennes pour la CFDT, Confedération française démocratique du Travail Maher Tekaya, il Segretario generale del Savt Claudio Albertinelli e il Presidente del CSI–Alpi Arco Lemano Jean Dondeynaz.

Con l’appuntamento si celebrano i trent'anni di vita nella splendida cornice del Monte Bianco, simbolo di una Europa sociale ed economica che guarda con speranza al proprio futuro, cercando di mandare un messaggio di ripartenza dopo una pandemia che ha fermato il mondo e che tutt’ora lo sta condizionando. La ripresa sarà in salita, non sarà facile, ma la solidarietà che unisce i popoli al di qua e al di là delle Alpi vuole essere il motore della ripartenza.

Il CSI Alpi-Arco Lemano è una risorsa fondamentale dei sindacati dell'Auvergne-Rhone-Alpes, della Valle d'Aosta e del Piemonte; offre ai sindacalisti aderenti un forum per lo scambio di informazioni e di esperienze sulle tematiche delle relazioni industriali da una regione frontaliera all’altra.

Il CSI Alpi-Arco Lemano giunge al raggiungimento del trentennale dalla sua costituzione concretizzatasi nel 1990,a Saint-Vincent, terra di confine,ma anche carrefour dei popoli d'Europa. Il CSI Alpi-Arco Lemano in questi trent'anni di attività ha lavorato per sviluppare e rafforzare le sue tre maggiori priorità d’azione:

 •La libertà di circolazione dei lavoratori e l'attività sindacale transfrontaliera;

 •La politica dell’occupazione, fondi strutturali e le politiche dei trasporti; •Il dialogo sociale e la conoscenza reciproca delle nostre Organizzazioni. Il presidente del CSI Alpi-Arco Lemano è Jean Dondeynaz, Segretario della Cisl della Valle d’Aosta.

“Molteplici sono i temi affrontati dal nostro Csir nella sua attività trentennale – spiega Jean Dondeynaz (nella foto) - la libertà di circolazione dei lavoratori, il coordinamento della sicurezza sociale, la legge sull’occupazione transfrontaliera, il coordinamento della fiscalità e il diritto di residenza, i trasporti interregionali e transfrontalieri, la difesa ambientale, i diritti del lavoro e la difesa dei diritti sociali e della salute dei lavoratori, il problema dei migranti e del loro inserimento lavorativo e sociale. Questo incontro per il trentennale riprende tutte queste tematiche con lo slogan: Un Sindacato senza frontiere, trent'anni di sindacato in frontiera”.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore