Governo Valdostano - 18 settembre 2020, 18:11

All’assessora Chantal Certan non piace il Poussa Café

Il 16 settembre il Poussa Café ha si interessato amma mancanza di parcheggio nelle nuove scuole modulari di via Federico Chabod ad Aosta. Il Poussa Café non è piaciuto all’assessora Chantal Certan che ha così replicato

All’assessora Chantal Certan non piace il Poussa Café

“Definire “peggiore” una qualsiasi scelta comporta che vi sia un confronto. Ora nel caso specifico le alternative indicate sono l’area di Tzambarlet o quella dell’Espace di Vallée Stucture.

La seconda non è idonea per legge ad ospitare un’attività scolastica, come diverse altre, perché area industriale e prossima ad una grande azienda metallurgica.

L’area di Tzambarlet è oggetto di dibattito da anni come possibile sede di una scuola e fa strano che oggi sia ritenuta idonea.

In ogni caso la scelta dell’area è la conseguenza dell’applicazione dei criteri disposti dal consiglio regionale ed inseriti nella legge regionale n. 8 che al comma 8 dell’articolo 31 ha stabilito:  “Al fine di valorizzare, anche durante la fase di gestione dell’emergenza,  il ruolo fondamentale dello spazio e della comunità circostante nel processo di apprendimento, le aree in cui collocare i predetti moduli, ove necessari, sono, comunque, individuate in prossimità del centro urbano di Aosta, in luoghi che consentano di minimizzare i costi di occupazione, dando priorità alla presenza di adeguati servizi, di spazi di socializzazione e preservando la salute e la sicurezza degli alunni, evitando le zone contaminate”.

Coloro che hanno intenzione di approfondire come sono state applicate le indicazioni del Consiglio regionale possono prendere visione del documento denominato “Ipotesi localizzazione Liceo Berard” (https://www.regione.vda.it/territorio/Commissario_Scuola/stato_attuazione_sede_liceo_berard/elaborati_grafici_i.aspx) e della tabella n.2 - Valutazione delle aree contenuta nel testo del Piano straordinario (https://www.regione.vda.it/territorio/Commissario_Scuola/piano_straordinario_i.aspx).

Prima di parlare di miopia e di incapacità sarebbe sempre bene consultare almeno i documenti. Una volta esaminati i documenti bisognerebbe essere poi in grado di proporre alternative solide e concretamente realizzabili, non usando il “senno di poi”, ma ponendosi nel momento storico in cui la decisione è stata presa a luglio.

La scuola che sta sorgendo ha tutte le caratteristiche per essere uno spazio di alta qualità dove gli studenti e i professori potranno operare nelle migliori condizioni ambientali e con la serenità che il loro compito richiede, almeno per i prossimi 2/3 anni, tempo per concludere i lavori della sede del Liceo Bérard.

La nota è dell’assessora Certan che ha preso contatti con il direttore

Illustrissima Assessora

Prendiamo atto che l’Assessora Chantal Certan, nonostante la necessità di raccogliere voti per il partito e preferenze personali per l’agognata rielezione, ha trovato il tempo per rispondere alla rubrica semi seria. Chi non l’avesse letta clicchi qui.

La replica dell’assessora nulla toglie e nulla aggiunge ma evidenzia la mancanza di risposte. Così come in via Chambery anche in via Chabod è stata realizzata una struttura priva di parcheggi e in luoghi che vanno ad ingolfare il già caotico traffico ad Aosta.

L’assessora non sa che chi deve recarsi a scuola con messi propri per la mancata coincidenza di orari tra i mezzi pubblici non sa dove parcheggiare. Peggio ancora chi usa mezzi pubblici arriva in ritardo e deve uscire anticipatamente.

L’assessora si è dimenticata, forse per la fretta di andare raccogliere voti, che la per la scuola Tzambarlet erano già stati stanziati i fondi per una scuola polmone che è stata poi bocciata e l’assessora farebbe ricordare da chi.

Oltre che la miopia urbanistica c'è anche la memoria politica corta. pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

SU