/ ECONOMIA

ECONOMIA | 06 settembre 2020, 17:00

Contributi triennali fino a fino a 19.800 euro per ricercatori e lavoratori che si trasferiscono in Valle

Lo prevede il Bando House and Work. Scadenza presentazione domande 30 settembre. Obiettivo incrementare l’innovazione e la competitività delle imprese e dei centri di ricerca

Contributi triennali fino a fino a 19.800 euro per ricercatori e lavoratori che si trasferiscono in Valle

Obiettivo del progetto House & Work  è attrarre ricercatori e lavoratori altamente qualificati che decidono di stabilirsi in Valle d’Aosta per contribuire alla realizzazione di progetti di ricerca sviluppati da imprese industriali, centri di eccellenza, organismi di ricerca, concedendo loro un contributo a parziale copertura delle spese di alloggio.

Possono richiedere il contributo persone fisiche anche extracomunitarie, con le competenze (devono aver conseguito una laurea magistrale/specialistica, o un titolo straniero equipollente, che permetta loro di svolgere attività di ricerca negli ambiti tecnologici indicati nel bando) e le eventuali esperienze necessarie per partecipare attivamente a progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, che abbiano ricevuto un’offerta di lavoro subordinato in qualità di dipendenti altamente qualificati a tempo pieno presso imprese industriali o centri di eccellenza o organismi di ricerca con unità operativa locale in Valle d’Aosta.

Possono altresì richiedere il contributo persone fisiche disoccupate/inoccupate anche extracomunitarie, con le competenze e le eventuali esperienze necessarie per partecipare attivamente a progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, in qualità di assegnatari di una borsa di studio con finalità di ricerca presso centri di eccellenza o organismi di ricerca con unità operativa locale in Valle d’Aosta.

Ai beneficiari sarà concesso un contributo, di importo pari al 75% del canone di locazione dell’immobile indicato nel contratto di locazione, situato in Valle d’Aosta, per il periodo di assunzione indicato nel contratto di lavoro o per il periodo di durata della borsa di studio con finalità di ricerca per almeno 6 mesi.

La domanda di contributo dovrà essere presentata in bollo al massimo entro 3 mesi dall’inizio dell’attività con on la prima scadenza stabilita al 30 settembre 2020.

Il contributo ammonta a 450 euro (massimo 16.200 euro nel triennio) per persona singola o coppia; e a 550 euro (massimo 19.800 euro) per persona singola o coppia con figli.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore