/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 03 settembre 2020, 10:00

Nasce il "Comitato Cervino Monterosa Paradise"

L'obiettivo è promuovere il collegamento che permetta di unire i comprensori di Breuil-Cervinia, Valtournenche e Zermatt con la Val d'Ayas, i cui impianti sono già collegati con quelli di Gressoney e Alagna. Ma lil progetto è contestato dal comitato Ripartire dalle Cime Bianche

Nasce il "Comitato Cervino Monterosa Paradise"

L’idea, oramai nota, prevede il collegamento tra il "Colle delle Cime Bianche" (Breuil-Cervinia)  e "Frachey" (Val d'Ayas) e avrebbe, oltre che un'importante ricaduta economico-sociale sulle zone interessate al progetto, dalla sua numeri davvero da record per attrarre turisti da tutto il mondo: 2 nazioni (Italia e Svizzera), 3 regioni (Valle d'Aosta, Piemonte e Vallese) e ben 5 comprensori (Zermatt, Breuil Cervinia-Valtournenche, Champoluc, Gressoney e Alagna). Questo comprensorio diventerebbe il nr.1 al mondo nella classifica “SkiMiles”.

Per contribuire a dar vita a questo importante progetto nasce dunque il "Comitato Cervino Monterosa Paradise", che ha come finalità quella di far conoscere le ragioni di questo collegamento. L’obiettivo è far sì che questa bellissima zona delle Alpi, che va dal Monterosa al Cervino, diventi sempre più protagonista in ambito turistico, ovviamente nel pieno rispetto del suo habitat naturale.

Con questo collegamento si avrebbe infatti la possibilità di offrire ai turisti un tour in alta quota, partendo dal versante Sud del Monterosa fino a raggiungere il Cervino, con una vista panoramica che include 38 delle 82 vette alpine sopra i 4.000 m., ammirando anche il massiccio del Montebianco, il Gran Combin e il Weissehorn.

Il collegamento, "aperto" a tutti, e non solo agli sciatori, offrirebbe una grande opportunità per vedere dal vivo la bellezza naturalistica di questi luoghi, la loro bio-diversità, per conoscere le tradizioni montane, le varie lingue e i dialetti usati nelle diverse vallate.

Un viaggio non virtuale ma reale. Il comitato fa notare l’importanza che il collegamento venga dotato di sistemi di imbarco progettati per un comodo accesso a disabili e a persone con mobilità limitata, così da permettere veramente a tutti di godere da vicino di queste meraviglie: un'oasi naturale non più per pochi dunque, ispirata dall'assoluto rispetto dell'ambiente, rispetto che rappresenta una prerogativa fondamentale di tale progetto.

Il comitato suggerisce che il progetto includa anche un polo museale dedicato alla montagna, alla sua fauna e flora per informare, istruire ed educare anche le scolaresche ed i giovani con appuntamenti didattici.

E’ stato un piacere constatare che nel recente referendum, organizzato con lo spirito di massima trasparenza e con la volontà di rispettare le varie opinioni in merito, il progetto di collegamento ha visto le popolazioni locali favorevoli all' 85%, una quota oggettivamente importante. 

Il "Comitato Cervino Monterosa Paradise" ricorda che tale collegamento, viste le quote elevate a cui si sviluppa, consente di allungare le stagioni dello sci alpino dall'autunno alla primavera, considerando poi che in estate è possibile sciare sul ghiacciaio di Plateau Rosà, garantendo la pratica dell’attività sportiva per 12 mesi l’anno.

Il ghiaccio di Plateau Rosà sarebbe quindi comodamente raggiungibile non solo da Cervinia ma anche dalla Val d'Ayas, e anche a chi non scia potrebbe raggiungere il Piccolo Cervino (m.3.883), Zermatt e viceversa, in estate e in inverno.

Un collegamento intervallivo con innegabili e importanti ricadute economiche e occupazionali sul territorio, con benefici per l'intera Valle d'Aosta ma per la cui realizzazione è necessario il sostegno di tutti.

Per tutte queste ragioni, il Comitato, attraverso il proprio sito www.cervinomonterosaparadise.com , ha predisposto un modulo da compilare per diventare socio-sostenitore del progetto, ricordando a tutti che l'iscrizione è assolutamente gratuita. Il Comitato ha inoltre previsto dépliant informativi e una newsletter per raccontare e promuovere il collegamento tra il "Colle delle Cime Bianche" e "Frachey", nel rispetto di chi ha a cuore la salvaguardia del territorio, ma è capace di cogliere i futuri vantaggi che ne deriverebbero da un punto di vista turistico.

"Connecting Nature, Sharing Beauty" è lo slogan adottato dal "Comitato Cervino Monterosa Paradise" ovvero: connettersi alla natura, condividerne la bellezza, patrimonio di tutti e non di pochi.

Il presidente Bruce McNeill ha il piacere di invitare tutti gli appassionati di Montagna ad aderire e promuovere questo comitato. La Natura stessa del collegamento darà vita a nuove possibilità turistiche uniche al mondo risultando in un altro fiore all’occhiello per la Valle d’Aosta e un futuro di sicuro successo per le 5 valli coinvolte.

Critico il Comitato Ripartiamo Dalle Cime Bianche che contesta il progetto e dice: "Di questa discesa in campo la società Cervino dovrà rendere conto. Si diffida formalmente la società Cervino, e i Consorzi turistici finanziati dalla Pubblica Amministrazione, dal continuare a intervenire in modo scorretto e improprio nella campagna elettorale.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore