/ CISL VdA

CISL VdA | 31 agosto 2020, 20:52

LA CISL SCUOLA VALLE D'AOSTA SOSTIENE E CONDIVIDE LE PROTESTE DEI PRECARI DELLA SCUOLA

I precari rivendicano sia una scuola più sicura e di qualità, sia la stabilizzazione dopo anni di insegnamento nelle aule di tanti istituti scolastici

LA CISL SCUOLA VALLE D'AOSTA SOSTIENE E CONDIVIDE LE PROTESTE DEI PRECARI DELLA SCUOLA

La CISL SCUOLA VALLE D'AOSTA sostiene, condividendone in gran parte le motivazioni, la mobilitazione dei precari della scuola che si svolgerà meercoledì 2 settembre 2020 a Roma.

I precari rivendicano sia una scuola più sicura e di qualità, sia la stabilizzazione dopo anni di insegnamento nelle aule di tanti istituti scolastici.

Soprattutto ora, alla partenza di un nuovo anno scolastico, che richiederà grandi sforzi collettivi ed energie, sarebbe importante poter disporre sin dal 1° settembre del personale insegnante.

Ricordiamo che, invece, per la Valle d'Aosta, dopo le convocazioni da graduatorie di istituto effettuatesi la scorsa settimana, rimangono ancora da assegnare ben 271 cattedre (tra tempi interi, tempi parziali e spezzoni orari, nel cui numero sono compresi decine e decine di posti di sostegno), il che significa che solo ora, dopo il 1° settembre, i singoli dirigenti dovranno reperire gli aspiranti per coprire tale fabbisogno, oltre eventualmente a sostituire gli assenti per maternità, motivi di salute o personali e per altri istituti contrattuali.

Come CISL SCUOLA chiediamo nuovamente dei concorsi per soli titoli che possano stabilizzare coloro che a scuola prestano servizio da più anni e che, per le loro condizioni di precarietà, non possono garantire la continuità sullo stesso gruppo classe o almeno nella stessa scuola.

Il riconoscimento dell'esperienza del lavoro maturato sul campo, ossia nelle aule scolastiche, è un tema centrale per il nostro sindacato e va affrontato in un'ottica di sistema, in stretta correlazione con la formazione iniziale ed in itinere del personale docente.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore