/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 26 agosto 2020, 08:50

Trafila sanitaria obbligata per chi rientra in Valle da Paesi a rischio Covid-19

Trafila sanitaria obbligata per chi rientra in Valle da Paesi a rischio Covid-19

Il Covid-19 non è morto anzi bussa ancora alle porte e la Sanità valdostana cerca di correre ai ripari. Chiunque, nei quattordici giorni antecedenti l’ingresso nel territorio valdostano, ha soggiornato o transitato in Bulgaria e Romania, Croazia, Grecia, Malta e Spagna, deve comunicarlo immediatamente al proprio arrivo al Dipartimento di prevenzione della Usl della Valle d’Aosta, Struttura di Igiene e Sanità pubblica, fornendo una serie di informazioni sulla base di un apposito modulo predisposto.

In particolare si segnalano le seguenti misure di prevenzione:

Se provenienti da Bulgaria e Romania è obbligatoria la quarantena di 14 giorni e la comunicazione va fatta esclusivamente all’indirizzo e-mail igiene.pubblica@ausl.vda.it se provenienti da Croazia, Grecia, Malta e Spagna: occorre comunicarlo: dal lunedì al venerdì esclusivamente all’indirizzo e-mail igiene.pubblica@ausl.vda.it di sabato e domenica alla Centrale Unica del Soccorso, cus.118@centraleunicavda.it

Nei soli, limitatissimi, casi in cui sia oggettivamente impossibilitato a inviare una mail, l’interessato deve contattare il numero verde 800 122 121

Occorre presentare una certificazione: attestante che, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ci si è sottoposti a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone con esito negativo;oppureche ci si è sottoposti ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile. 

Nel caso di mancata presentazione di tale certificazione, l’Azienda Usl VdA  provvederà, entro le 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale, a effettuare il test molecolare o antigenico.

In caso di insorgenza di sintomi Covid-19, gli interessati devono segnalare con tempestività la situazione all'Autorità sanitaria, attraverso i numeri telefonici dedicati ovvero il 112.

Si segnala, inoltre, che è vietato l’ingresso in Italia alle persone che, nei 14 giorni antecedenti, abbiano soggiornato o siano transitate per uno dei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Colombia, Kosovo, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldavia, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana, Serbia, mentre l’ingresso in Italia da tutti gli Stati non facenti parte dell’UE e/o dell’accordo di Schengen è consentito, ma resta l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

Test sierologici e tamponi SARS COVID-19 a pagamento

L’assessorato regionale alla Sanità ricorda che tutti i cittadini possono decidere di effettuare i test sierologici e i tamponi per la patologia Sars Covid-19 a pagamento.

In tale caso non è necessaria l’impegnativa del Medico o del Pediatra di famiglia.I test sierologici vengono effettuati presso il Centro Unico Prelievi dell’ospedale Parini di Aosta, dal lunedì al venerdì, dalle ore 7 alle ore 10, esclusivamente previa prenotazione telefonica al numero 0165-543266 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7,30 alle ore 15.

I tamponi sono effettuati presso il Poliambulatorio Usl di Aosta, via G. Rey 3, dal lunedì al sabato, dalle ore 10:00 alle ore 11:00, e devono essere prenotati tramite CUP telefonico (0165 54 83 87) oppure presso gli sportelli CUP ospedalieri e sul territorio.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore