/ Salute in Valle d'Aosta

Salute in Valle d'Aosta | 17 agosto 2020, 12:06

Torna la 'Palestra della mente' per pazienti con disturbi neurologici

Le attività si svolgono nella palestra del Beauregard

Le attività si svolgono nella palestra del Beauregard

All'ospedale Beauregard di Aosta riprendono giovedì 20 agosto le iniziative della "Palestra della mente", percorso di stimolazione e riabilitazione per i pazienti con disturbo neurocognitivo e demenza organizzato dall'Usl VdA.

Ai pazienti, in seguito ad una visita neurologica-geriatrica e una successiva valutazione neuropsicologica, dopo un colloquio di selezione, vengono proposte attività di rinforzo e di mantenimento delle abilità cognitive.

"Si tratta di esercizi per la mente, in linea con quanto stabilito dalla ricerca scientifica nel campo della stimolazione ed il potenziamento cognitivo - spiega la neuropsicologa Daniela Fraschetti - e si lavora sull'apprendimento di strategie applicabili nella vita quotidiana".

"Il contesto di gruppo offre l'opportunità di stimolare le abilità necessarie ad una maggiore socializzazione - aggiunge l'educatore professionale Daniele Cometto - anche se abbiamo dovuto limitare a cinque il numero di presenti, invece di 6/8, per evitare assembramenti. Gli incontri si tengono nella palestra della Geriatria dell'ospedale Beauregard, sono condotti da due educatori con la supervisione della psicologa. Il percorso prevede un ciclo intensivo di venti incontri (due alla settimana) e uno di mantenimento (dieci incontri, uno alla settimana), della durata di un'ora e mezza".

"Il progetto "Palestre della mente" fa parte di una serie di iniziative che consideriamo di primaria importanza - conclude il direttore della Sc Geriatria, Paolo Bonino - nell'ottica di supportare i nostri pazienti con decadimento cognitivo iniziale nel rinforzo delle capacità residue per mantenere il massimo grado di autonomia possibile. Un aspetto fondamentale non soltanto a livello clinico ma che si riflette nella qualità della vita del paziente stesso e dei suoi famigliari".

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore