/ Chez Nous

In Breve

sabato 19 settembre
Nani e titani
(h. 12:00)
sabato 12 settembre
Valori
(h. 12:00)
sabato 05 settembre
Procella elettorale
(h. 12:00)
sabato 29 agosto
sabato 22 agosto
Dilettantesimo
(h. 12:00)
sabato 15 agosto
Laurismo rossonero
(h. 12:00)
sabato 01 agosto
Courmadocet
(h. 13:53)
sabato 25 luglio
RistorAlpage
(h. 12:08)
sabato 18 luglio
Succede ma...
(h. 12:11)
sabato 11 luglio
Cappotti rivoltati
(h. 12:00)

Chez Nous | 08 agosto 2020, 13:41

Perché

Perché

Da qualche parte ho letto: niente spinge un uomo in avanti quanto un fallimento alle spalle. La citazione mi ha portato alla mente le liste che stanno presentando per le elezioni regionali e comunali del 20 e 21 settembre prossimo, composte da degne persone ma anche da tanti personaggi nella cui esistenza non ha concluso niente; forse solo interessi personali. E ancora altre persone infelici di un’esistenza che non ha sbocchi di soddisfazione, frustrante, povera, vuota.

Si leggono nomi di persone spinte a candidarsi per la necessità di convivere col proprio fallimento, con il proprio migrar da un partito all’altro, da una sedia a una poltrona e viceversa. Spiace davvero vedere che ci sia chi non si rassegna ad aver fatto il proprio tempo e che la sua storia è già stata scritta. Anche se giubilati, trombati, esclusi dal grande gioco, con carichi penali ancora pendenti, con liti in corso con la Corte dei Conti, c’è chi non si rassegna.

Vorrebbe comunque tornare a contare qualcosa nel campo che fu il loro. A costo di conquistare anche solo un seggiolone dopo aver calcato le loro chiappe su poltrone presidenziali, assessorili e comunque con gettone. In troppi voglio presentarsi come allenatori di una squadra politica che non c’è.

Francamente si trova disagio per loro e gli si vorrebbe ricordare il detto francese “non si può essere ed essere stati”. Se si è stati bambini prodigio, se si è stati i numeri uno della formazione politica, come accontentarsi di uno strapuntino? Possibile che non si accorgono che fanno male alla Petite Patrie? Che aumentano le distanze tra Cittadini e Palazzo?

I nomi delle liste, dei partiti e dei movimenti  sono la fotografia del fallimento di troppi che non voglio capire che “non si può essere ed essere stati”. Se oggi si parla di autonomia addomesticata o addormentata è la prova provata di chi si riempie la bocca facendo riferimento all’Autonomia, alla Valle d’Aosta unita, alla Valle d’Aosta libera. Nessuno spiega perché ha fallito e perché ora dovrebbe riuscirci.

Due le vere novità: è il movimento con la sua lista Pays d'Aoste Souverain che predica l’autodeterminazione, oggi impossibile, del popolo valdostano ma che può essere una spina nel fianco per rilanciare l’Autonomia della Petite Patrie. E Rinascimento Valle d'Aosta il nome dato al suo movimento da Giovanni Girardini. Dio solo sa quanto la Petite Patrie abbia bisogno di chiudere una brutta e lunga pagina di decadenza a 360 gradi.

Per il resto è tutto fumo sugli occhi.

Dunque un quadro politico, quello valdostano, davvero preoccupante. E il quadro sarà ancor più caotico dopo il voto. Dalle urne usciranno tre liste con un numero di consiglieri che si potranno contare con le dita di due mani. Ma saranno numeri insufficienti per dare stabilità politica; il resto saranno tutti cespugli con un paio di consiglieri che saranno determinanti per affossare nuovamente la Petite Patrie.

Mancanza di strategie e di tattiche politiche hanno prodotto la frantumazione dell’area autonomista regionalista. La memoria corta ha fatto il resto. E nel resto i protagonisti sono stati i vertici dell’Uv che hanno sbattuto la porta in faccia ad Augusto Rolladin. Ma con Augusto Rollandin, con ogni probabilità dovranno ancora far i conti. Infatti se nel dopo elezioni l’Uv si trovasse nella possibilità di stringere un’alleanza con i possibili eletti della lista di Rolladin cosa farà? Sceglierà la strada dell’opposizione o ingoierà il rospo?

Sono queste le cose che aumentano il divario tra il palazzo e gli elettori.

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore