/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 29 luglio 2020, 15:00

Courmayeur: Dimessi otto consiglieri comunali, Comune verso commissariamento

Courmayeur: Dimessi otto consiglieri comunali, Comune verso commissariamento

Terremoto al Comune di Courmayeur. Questo pomeggio mercoledì 29 luglio hanno rassegnato le dimissioni i consiglieri Alberto Vaglio, Raffaella Sarteur, Roberta D'Amico, Marco Salvato, tutti eletti nella lista Esprit Courmayeur che aveva sostenuto il sindaco, Stefano Miserocchi e il suo vice, Paolo Corio. 

Si sono dimessi inoltre i consiglieri Daniela Scalvino, Massimo Sottile, André Savoie e Fabrizia Derriard, del gruppo La Nuova Via.

Tempo fa ho commesso un errore, ovvero contribuire all'elezione a sindaco di Stefano Miserocchi; oggi ho rimediato a quell'errore". Così Alberto Vaglio ha sintetizzato ad Aostacronaca le ragioni delle sue dimissioni, specificando però che "per me come ritengo per tutti gli altri consiglieri dimissionari era necessario, prima di compiere questo passo, attendere l'approvazione della delibera per i lavori della messa in sicurezza di Plan Checrouit; avevamo chiesto alla Giunta Miserocchi di inviare quanto prima alla Regione i documenti per la composizione dell'appalto; oggi questo passaggio è stato approvato in Consiglio comunale e pertanto abbiamo ritenuto fosse giunto il momento di lasciare le poltrone ma soprattutto prendere le distanze da questo stallo amministrativo e operativo che da troppo tempo blocca le iniziative dei courmayeurens. Il paese aveva bisogno di una scossa, ora dobbiamo da subito guardare avanti".

Le dimissioni di otto consiglieri su 15 comportano l'immediato scioglimento del Consiglio Comunale; l'ormai non più sindaco Miserocchi ha comunicato questo pomeriggio al Presidente della Giunta, Renzo Testolin, il decadimento della propria carica e ha chiesto lumi sulla conseguente procedura.

Durante il Consiglio comunale di oggi, evidentemente l'ultimo della Giunta Miserocchi, erano stati approvati l’accordo con la società CVE srl per la subconcessione di derivazione d’acqua a scopo idroelettrico della Dora di Veny e di Ferret; una variazione di bilancio da 431.200 euro per finanziare manutenzioni e acquisti; l'intervento collegato alla costruzione del vallo di protezione di Plan Chécrouit inerente lo spostamento della cabina elettrica Deval e ilprogetto di fattibilità tecnica ed economica, per oltre 566 mila euro, per la nuova pista di ghiaccio presso il Courmayeur Sport Center.

"Una serie di interventi tardivi - commenta Alberto Vaglio - giunti in un clima di sfiducia da parte della popolazione, in un momento in cui alcune priorità sono cambiate".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore