/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 25 luglio 2020, 08:00

Il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, tra le meraviglie del Parco del Gran Paradiso

Sergio Costa

Sergio Costa

In arrivo un visitatore d'eccezione, la prossima settimana, al Parco nazionale del Gran Paradiso. Il generale dei carabinieri Sergio Costa, ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio sarà infatti in Valle nell’ambito del calendario di visite alle realtà protette: L'Ufficio ministeriale della protezione ambientale ha inserito a partire da venerdì 31 luglio un sopralluogo volto alla scoperta del Parco che coinvolge le tre vallate di Cogne, Rhemes e Valsavarenche.

Il programma della visita prevede anche un momento istituzionale, sabato 1 agosto. In quell’occasione il ministro sarà ricevuto a Palazzo regionale, ad Aosta, dal Presidente della Giunta, Renzo Testolin, dagli assessori e dai due Parlamentari valdostani.

"Sarà una 'visita sul campo' - si legge in una nota - focalizzata all’approfondimento delle attività di conservazione dell’ambiente portate avanti dall’Ente Parco. Fra le tappe previste nei due giorni di soggiorno, notevole rilevanza avrà l’ispezione al Centro Acqua e Biodiversità di Rovenaud, in Valsavarenche, presentato al pubblico lo scorso 21 settembre".

Il Centro, la cui istituzione si deve ad un contributo del ministero dell’Ambiente, è un luogo dedicato alla ricerca scientifica e all’educazione ambientale sui temi di conservazione degli ecosistemi acquatici e sulla lontra e ospita un suggestivo allestimento espositivo con percorsi di visita arricchiti da installazioni multimediali e video.

Nel corso della sua visita al Parco, il prossimo venerdì, il ministro Costa sarà accompagnato dal presidente dell’Ente Parco, Italo Cerise; dal direttore facente funzione, Pier Giorgio Mosso; dal responsabile del Servizio Biodiversità e ricerca scientifica, Bruno Bassano e dall’ispettore del Corpo di Sorveglianza, Stefano Cerise. 

Già comandante della Regione Campania dei Carabinieri Forestali, Costa ebbe un ruolo di primo piano nell'inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti tossici tra Caserta e Napoli.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore