/ CULTURA

CULTURA | 02 luglio 2020, 11:51

A Valpelline Gianni Torrione ha presentato il suo ultimo lavoro: Il tempo di Carré

Il calendario, adesso, prevede una breve pausa. Riprenderà il 14 luglio, ore 21.00, con Aldo Pagani autore del libro Una volta la Ditta. La storia, in sostanza, della mitica fabbrica Olivetti di Ivrea in cui Pagani ha lavorato per quasi 40 anni e dove vi hanno lavorato anche molti valdostani

A Valpelline Gianni Torrione ha presentato il suo ultimo lavoro: Il tempo di Carré

Dopo l’esordio con una storia (animata) tutta locale. Martedì 30 giugno Gianni Torrione ha presentato a Valpelline il suo ultimo lavoro: Il tempo di Carré. Un “romanzo giovane” l’ha definito, pieno di interessanti informazioni storiche sull’Aosta degli anni cinquanta.

Gianni Torrione autografa un copia del suo Il tempo del Carré

“Sono molto soddisfatto di questo incontro – ha detto Torrione – anche perché viene a rompere un lungo periodo di isolamento. Il pubblico, non numerosissimo, mi è parso, tuttavia, molto interessato ed attento. Un’occasione per raccontare, insieme alla trama del libro, anche aneddoti e curiosità di un’Aosta ormai scomparsa (il mercato in Piazza Chanoux, la lottizzazione della Piazza da parte degli studenti, il ballo del dopolavoro sotto alle Poste, ecc. ecc.).”

Per quanto riguarda il pubblico anche gli organizzatori dicono “peccato perché al secondo appuntamento del mini-ciclo ci aspettavamo qualche persona in più, visto il tema e visto l’autore. Probabilmente la gente ha ancora qualche timore nel partecipare ad eventi di questo tipo. In ogni caso siamo moderatamente soddisfatti dell’andamento delle serate.”

Il calendario, adesso, prevede una breve pausa. Riprenderà il 14 luglio, ore 21.00, con Aldo Pagani autore del libro Una volta la Ditta. La storia, in sostanza, della mitica fabbrica Olivetti di Ivrea in cui Pagani ha lavorato per quasi 40 anni e dove vi hanno lavorato anche molti valdostani.

Soprattutto i residenti della Bassa Valle. Ingresso, come al solito, libero ma con posti limitati per via delle disposizioni sul distanziamento sociale.

eb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore