/ ECONOMIA

ECONOMIA | 24 giugno 2020, 08:00

Aiuti alla promozione dei prodotti a “km 0”

600 mila euro messi a bando dal GAL, sui fondi del PSR, per sostenere la promozione dei prodotti agricoli locali e lo sviluppo delle filiere corte, un’opportunità interessante per incoraggiare la ripresa del settore

Aiuti alla promozione dei prodotti a “km 0”

“Ripartiamo da 0” è lo slogan evocativo del nuovo bando pubblicato dal GAL Valle d’Aosta, finalizzato a incentivare le attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati del territorio. Un aiuto mirato e concreto per i produttori agricoli che hanno vissuto una crisi senza precedenti nei mesi del lockdown, i cui effetti negativi si faranno sentire anche nei mesi a venire.

 Il bando finanzia attività realizzate da reti, associazioni di imprese ed altri soggetti impegnati nelle filiere corte agroalimentari e nei mercati locali e incentiva la promozione congiunta dei prodotti agricoli e l’attuazione di iniziative che ne migliorino la presenza e la diffusione sul territorio. Tutte azioni che vanno a beneficio sia degli operatori sia dei consumatori e che, indirettamente, favoriscono il presidio del territorio, anche in termini di risorse e tipicità.

 Gli aiuti sono erogati a fondo perso nella percentuale massima del 70% delle spese ammesse. Le risorse a bando ammontano a 595.000 euro, a valere sull’intervento 16.4.2 del Programma di sviluppo rurale 2014/20.

 La scadenza per la presentazione dei progetti è mercoledì 7 ottobre 2020, ore 12, e le iniziative ammesse potranno essere realizzate nel 2021 e 2022.

 Per illustrare nel dettaglio le opportunità offerte e per fornire maggiori informazioni, il GAL ha attivato uno sportello informativo, attivo su prenotazione (info@gal.vda.it oppure 0165/524302).

Qui di seguito una sintesi dei principali elementi del bando:

CHI PUO’ PARTECIPARE: possono accedere al bando le forme associative composte da micro, piccole e medie imprese, costituitesi prima della data di presentazione della domanda di sostegno con atto di costituzione debitamente registrato. La forma di aggregazione può comprendere le seguenti tipologie di operatori economici: imprese agricole attive nel settore della produzione primaria e/o imprese di trasformazione e commercializzazione e/o imprese di servizi di ristorazione (almeno il 50% dei componenti della forma di aggregazione deve appartenere al settore agricolo).

COSA FINANZIA: il bando prevede il finanziamento di: iniziative promozionali in grado di pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali da filiera corta e locali dei produttori agricoli associati; creazione di marchi e loghi dei prodotti da filiera corta e locali; organizzazione e partecipazione a fiere, manifestazioni ed eventi sul territorio regionale; produzione di materiale promozionale volto a pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali o da filiera corta; azioni di promozione della vendita diretta nei mercati locali e tramite la filiera corta mediante campagne informative da attuare sul territorio regionale, promozione sui canali HORECA (Hotellerie, Restaurant, Catering), campagne per l'educazione alimentare ed il consumo consapevole.

ENTITÀ DELL’AIUTO: la spesa massima ammissibile per progetto è di 85.715 euro, mentre la spese minima ammissibile è di 20.000 euro. I contributi sono erogati a fondo perduto, nella percentuale massima del 70% delle spese ammesse (contributo massimo è di 60.000,00 euro). È consentito al beneficiario presentare una sola domanda di sostegno.

TEMPISTICHE:

Scadenza per la presentazione domande: mercoledì 7 ottobre 2020

Istruttoria e valutazione delle domande: ottobre/novembre 2020

Comunicazione ammissione o non ammissione del progetto: dicembre 2020 

Ulteriori informazioni sul sito: www.gal.vda.it

red.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore