ATTUALITÀ - 17 giugno 2020, 13:00

Tratti in inganno dalla perversa volontà di chi vuole nuocere agli avversari politici

Tratti in inganno dalla perversa volontà di chi vuole nuocere agli avversari politici

Più o meno a tutti i giornalisti è capitato di essere tratti in inganno. E’ un rischio da calcolare. E si può sbagliare in buona fede. E’ accaduto anche ad Aostacronaca di pubblicare notizie ricevute dalle così dette “fonti degne di fede”. E’ accaduto anche ad Aostacronaca di ricevere, da più fonti degne di fede, in occasione della Festa del Lardo di Arnad dell’agosto 2018, l’informazione che la segretaria particolare dell’allora Presidente della Regione, Nicoletta Spelgatti, avesse usato l’auto blu per raggiungere Maison Bertolin dove si svolgeva la kermesse.

Aostacronaca pubblicò la notizia risultata poi falsa e del tutto destituita da ogni fondamento. Quelle fonti degne di fede hanno servito ai giornali una polpetta avvelenata con una forte dose di avversione politica nei confronti della Lega.

Insomma siamo stati inghiottiti dalla fabbrica del falso politico e di questo chiediamo scusa ai lettori, ai diretti interessati, alla segretaria particolare dell’allora presidente della Regione, alla Lega. Ci scusiamo per eventuali disagi causati. Non ci siamo accorti che foto e notizia nulla avevano a che fare con l’uso dell’auto blu da parte della segretaria particolare. E meno ancora aveva a che fare l’autista della Regione del quale abbiamo pubblicato la foto.

Dunque la notizia pubblicata era falsa, anche se possibile. Sono reali, invece, le nostre scuse per una notizia che abbiamo diffuso senza riscontrare le fonti anche perché considerate degne di fede e perché la notizia era già stata pubblicata da altri organi di informazione. Ma questa non è una giustificazione; è una grave leggerezza professionale. Ci scusino i nostri lettori e gli interessati. Pensiamo che le lotte politiche si devono fare sui contenuti, sui programmi, sui progetti. Non confezionando polpette avvelenate.

red. ac.

Ti potrebbero interessare anche:

SU