/ ECONOMIA

ECONOMIA | 17 giugno 2020, 10:06

Bonus vacanze: dal 1° luglio si può usare, le regole per ottenerlo

Può essere richiesto e speso entro il 31 dicembre 20 Potranno ottenere il bonus vacanze i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate

La Croce di Fana nel comune di Quart

La Croce di Fana nel comune di Quart

Il bonus vacanze fa parte delle iniziative previste dal decreto rilancio e offre un contributo fino 500 euro da utilizzare per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed and breakfast in Italia. Può essere richiesto e speso dal 1° luglio al 31 dicembre 20  Potranno ottenere il bonus vacanze i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Può essere richiesto ed erogato esclusivamente in forma digitale. Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o Cie 3.0 (Carta d’Identità Elettronica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali.

Non sarà necessario stampare nulla, perché sarà a disposizione sul cellulare o smartphone e basterà mostrarlo all’albergatore.  Fino al momento della riscossione del bonus vacanze da parte di un cliente, non occorre fare nulla: solo far sapere che la struttura aderisce all’iniziativa. Lo sconto applicato sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione mediante il modello F24, ovvero cedibile anche a istituti di credito.

Il voucher si potrà spendere presso una struttura ricettiva italiana dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. Può essere utilizzato, inoltre, da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto. Può essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed and breakfast).

È fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore, mentre il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta.

Bruno Albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore